AFGHANISTAN +4:30' ALBANIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ALGERIA +1 ora AMERICAN SAMOA -11 ore ANDORRA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ANGOLA +1 ora ARGENTINA -3 ore ARMENIA +4 ore +5 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ARUBA -4 ore BONAIRE, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN AUSTRALIA LORD HOWE ISLAND NEW SOUTH WALES, VICTORIA, A.C.T., HIS, HTI, LDC NORTHERN TERRITORY OUEENSLAND SOUTH AUSTRALIA TASMANIA WESTERN AUSTRALIA +10:30' +11 ore +10 ore +11 ore +9:30' +10 ore +9:30' +10:30' +10 ore +11 ore +8 ore SYDNEY Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo DARWIN ADELAIDE Incluso BROKEN HILL, NSW Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Marzo AUSTRIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre AZERBAJIAN +4 ore AZORES Vedi PORTUGAL BAHAMAS -5 ore -4 ore Escluso TURKS AND CAICOS ISLANDS Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BAHRAIN ISLAND +3 ore BANGLADESH +6 ore BARBADOS -4 ore BELARUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELGIUM +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELIZE -6 ore BENIN, PEOPLES REPUBLIC +1 ora DAHOMEY BERMUDA -4 ore -3 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BHUTAN +6 ore BOLIVIA -4 ore BONAIRE -4 ore ARUBA, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN BOSNIA HERCEGOVNIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BOTSWANA +2 ore BRAZIL EAST WEST TERRITORY OF ACRE FERN. DE NORONHA MOST MAJOR AIRPORTS -3 ore -2 ore -4 ore -3 ore -5 ore -2 ore -3 ore COASTAL STATES, SAO PAULO, RIO, BRASILIA Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio ATLANTIC ISLANDS BRITISH VIRGIN ISLANDS -4 ore BRUNEI DARUSSALAM +8 ore BULGARIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BURKINA FASO GMT BURMA Vedi MYANMAR BURUNDI +2 ore CAMBOGIA +7 ore CAMEROON, REPUBLIC OF +1 ora CANADA NEWFOUNDLAND ATLANTIC EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC YUKON TERRITORY -3:30' -2:30' -4 ore -3 ore -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore ST.JOHN'S Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HALIFAX Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TORONTO, MONTREAL, OTTAWA Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre REGINA, WINNIPEG Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CAPE VERDE -1 ora CAYMAN ISLANDS -5 ore CENTRAL AFRICAN REPUB. +1 ora CEYLON Vedi SRI LANKA CHAD +1 ora CHILE CONTINENTAL EASTER ISLAND -4 ore -3 ore -6 ore -5 ore Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo CHINA, PEOPLE'S REPUBLIC +8 ore COCOS (Keeling) ISLANDS +6:30' COLUMBIA -5 ore COMOROS Vedi MAYOTTE CONGO +1 ora COOK ISLANDS -10 ore COSTA RICA -6 ore COTE D'IVOIRE GMT CROATIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CUBA -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Seconda dom. di Ottobre CURACAO -4 ore ARUBA, BONAIRE, SABA, ST-MAARTEN CYPRUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CZECH REPUBLIC +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DENMARK +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DJIBOUTI +3 ore DOMINICAN REPUBLIC -4 ore ECUADOR CONTINENTAL GALAPAGOS ISLANDS -5 ore -6 ore EGYPT +2 ore +3 ore Prima dom. di Maggio-30 Ottobre EL SALVADOR -6 ore ENGLAND Vedi UNITED KINGDOM EQUITORIAL GUINEA +1 ora ERITREA +3 ore ESTONIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ETHIOPIA +3 ore FALKLAND ISLANDS -4 ore -3 ore PORT STANLEY Seconda dom. di Settembre-Terza dom. di Aprile FAROE ISLAND GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FIJI +12 ore FINLAND +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRANCE +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRENCH GUIANA -3 ore FRENCH POLYNESIA GAMBIER ISLAND MARQUESAS ISLANDS SOCIETY ISLAND, TAHITI, TUBUAI ISLAND, TUAMOTU ISLAND -9 ore -9:30' -10 ore GABON +1 ora GAMBIA GMT GEORGIA +3 ore +4 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GERMANY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GHANA GMT GIBRALTAR +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREECE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREENLAND SCORESBYSUND THULE -3 ore -2 ore -1 ora GMT -4 ore -3 ore ANGMAGSSALIK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GUADELOUPE -4 ore ST.BARTHELEMY,NORTHERN ST.MARTIN GUAM +10 ore GUATEMALA -6 ore GUINEA GMT GUINEA-BISSAU GMT GUYANA -4 ore HAITI -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HONDURAS -6 ore HONG KONG +8 ore HUNGARY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ICELAND GMT INDIA +5:30' ANDAMAN ISLANDS INDONESIA CENTRAL EAST WEST +8 ore +9 ore +7 ore KALIMANTAN, SULAWESI IRIAN, BARAT SUMATRA, JAVA, BALI, JAKARTA IRAN +3:30' +4:30' 1° giorno di primavera-1° giorno di autunno IRAQ +3 ore +4 ore 1 Aprile-30 Settembre IRELAND, REPUBLIC OF GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre ISRAEL +2 ore +3 ore 1 Aprile-Ultima dom. di Agosto ITALY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre JAMAICA -5 ore JAPAN +9 ore JOHNSTON ISLAND -10 ore JORDAN +2 ore +3 ore 1 Aprile-15 Ottobre KAMPUCHEA, DEM. Vedi CAMBODIA KAZAHSTAN +6 ore +7 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre KENYA +3 ore KIRIBATI, REPUBLIC OF CANTON, ENDERBURY IS. CHRISTMAS ISLANDS +12 ore -11 ore -10 ore KOREA, DEM. REPUBLIC OF +9 ore KOREA, REPUBLIC OF +9 ore KUWAIT +3 ore KYRGYZSTAN +5 ore +6 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LAOS +7 ore LATVIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LEBANON +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre LEEWARD ISLANDS -4 ore ANTIGUA, DOMINICA, NEVIS MONTSERRAT, ST. KITTS ST. CHRISTOPHER, ANGUILLA LESOTHO +2 ore LIBERIA GMT LIBYAN ARAB JAMAHIRIYA +2 ore LITHUANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LUXEMBOURG +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MACEDONIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MADAGASCAR +3 ore MADEIRA Vedi PORTUGAL MALAWI +2 ore MALAYSIA +8 ore MALDIVES +5 ore MALI GMT MALTA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MARTINIQUE -4 ore MAURITANIA GMT MAURITIUS +4 ore MAYOTTE +3 ore MEXICO BAJA CALIFORNIA SUR & N. PACIFIC COAST (STATES OF NAYARIT, SINALOA AND SONORA) BAJA CALIFORNIA NORTE -6 ore -7 ore -8 ore -7 ore CULICAN, LA PAZ, & MAZATLAN ABOVE 28TH PARALLEL Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre MIDWAY ISLAND -11 ore MOLDOVA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONACO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONGOLIA +8 ore +9 ore ULAN BATOR Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre MOROCCO GMT MOZAMBIQUE +2 ore MYANMAR +6:30' NAMIBIA +1 ora +2 ore FORMERLY BURMA Prima dom. di Settembre-Prima dom. di Aprile NAURU, REPUBLIC OF +12 ore NEPAL +5:45' NETHERLANDS +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre NETHERLANDS ANTILLES -4 ore SOUTHERN ST. MAARTEN NEW CALEDONIA +11 ore NEW HEBRIDES Vedi VANUATU NEW ZEALAND CHATHAM ISLAND +12 ore +13 ore +12:45' +13:45' Escluso CHATHAM ISLAND Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo NICARAGUA -6 ore -5 ore 1° gennaio - ? NIGER +1 ora NIGERIA +1 ora NIUE ISLAND -11 ore NORFOLK ISLAND +11:30' NORTHERN IRELAND Vedi UNITED KINGDOM NORWAY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre OMAN +4 ore PACIFIC ISLANDS TRUST CAROLINE ISLAND KUSAIE, PINGELAP, MARSHALL ISLANDS KWAJALEIN MARIANA ISLAND PALAU ISLAND PONAPE ISLAND +11 ore +12 ore +12 ore +10 ore +9 ore +11 ore Escluso GUAM PAKISTAN +5 ore PANAMA -5 ore PAPUA NEW GUINEA +10 ore Incluso BOUGAINVILLE ISLAND PARAGUAY -4 ore -3 ore Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio PERU -5 ore PHILIPPINES, REPUBLIC OF +8 ore POLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PORTUGAL AZORES MADEIRA MAINLAND -1 ora GMT GMT +1 ora +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima domenica di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PUERTO RICO -4 ore QATAR +3 ore REUNION +4 ore ROMANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre RUSSIAN FEDERATION Zona 1 Zona 2 Zona 3 Zona 4 Zona 5 Zona 6 Zona 7 Zona 8 Zona 9 Zona 10 Zona 11 +2 ore +3 ore +3 ore +4 ore +4 ore +5 ore +5 ore +6 ore +6 ore +7 ore +7 ore KALININGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MOSCOW, ST. PETERSBURG, MUMARSK, ASTRAHAN, VOLROGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAMARA, IZHEVSK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CHELYABINSK, EKATRINBU RWANDA +2 ore SABA -4 ore ARUBA, BONAIRE, CURACAO, ST. MAARTEN ST. MAARTEN Vedi NETHERLANDS ANTILLES ST. KITTS-NEVIS -4 ore ST. LUCIA -4 ore SAINT PIERRE AND MIQUELON -3 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre SAINT VINCENT AND THE GRENADINES -4 ore SAMOA -11 ore SAN MARINO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAO TOME ISLAND AND PRINCIPE ISLAND GMT SAUDI ARABIA +3 ore SCOTLAND Vedi UNITED KINGDOM SENEGAL GMT SEYCHELLES +4 ore SIERRA LEONE GMT SINGAPORE +8 ore SLOVAKIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SLOVENIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SOLOMON ISLANDS +11 ore Escluso BOUGAINVILLE IS. SOMALIA +3 ore SOUTH AFICA +2 ore SPAIN CANARY ISLANDS CONTINENTAL, BALEARIC, AND MALLORCA ISLANDS MELILLA GMT +1 ora +1 ora +2 ore +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SRI LANKA +5:30' ST. HELENA GMT SUDAN +2 ore SURINAME, REPUBLIC OF -3 ore SWAZILAND +2 ore SWEDEN +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SWITZERLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SYRIA +2 ore +3 ore 1 Aprile-30 Ottobre TAIWAN +8 ore TAJIKSTAN +5 ore TANZANIA +3 ore THAILAND +7 ore TOGO GMT TONGA +13 ore TRINIDAD AND TOBAGO -4 ore TUNISIA +1 ora TURKEY +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre TURKMENISTAN +5 ore TURKS AND CAICOS ISLAND -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TUVALU +12 ore UGANDA +3 ore UKRAINE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre UNITED ARAB EMIRATES +4 ore ABU DHABI, DUBAI, SHARJAH, RAS AL KHAIMAH UNITED KINGDOM GMT +1 ora CHANNEL ISLANDS, SCOTLAND, NORTHERN IRELAND, WALES Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre UNITED STATES Vedi USA URUGUAY -3 ore -2 ore Terza dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio USA EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC ALASKA STD ALEUTIAN ARIZONA HAWAII INDIANA (EAST) BERING -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore -9 ore -8 ore -10 ore -9 ore NEW YORK, WASHINGTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CHICAGO, HOUSTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre DENVER Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre LOS ANGELES, SAN FRANCISCO Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre USSR Vedi RUSSIAN FEDERATION UZBEKISTAN +5 ore VANUATU +11 ore NEW HEBRIDES VATICAN +1 ora VENEZUELA -4 ore VIETNAM, SOCIALIST REP. +7 ore VIRGIN ISLANDS -4 ore ST. CROIX, ST. THOMAS, ST. JOHN WAKE ISLAND +12 ore WALES Vedi UNITED KINGDOM WALLIS AND FUTUNA ISLAND +12 ore WINDWARD ISLANDS -4 ore GRENADA, ST. LUCIA YEMEN, REPUBLIC OF +3 ore BOTH REPUBLICS YUGOSLAVIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ZAIRE KINSHASA MBANDAKA KASAI, KIVU, HAUT-ZAIRE, SHABA +1 ora +2 ore ZAMBIA +2 ore ZIMBABWE +2 ore




                                                                                                                          

Progressistas


Come e Perchè:

La presente sezione si prepone di argomentare in maniera breve e con un linguaggio
relativamente accessibile a tutti i nostri lettori le valutazioni che spingono il nostro pensiero,
affinchè divengano il manifesto chiaro ed esplicito del percorso da intraprendere.
A differenza di altri movimenti o gruppi che hanno costituito una qualche formula politica
per il conseguimento dell' autodeterminazione Sarda, appare d' obbligo argomentare
brevemente e da subito quali saranno eventualmente le nostre posizioni in merito alla
strategia da seguire:
Si evita così quindi di incorrere in avventurismi noti a tutti o scarne soluzioni maturate
successivamente alla formazione di un dato soggetto politico.
Non verrà dunque prestato il fianco a future sedicenti accuse di ambiguità o opportunismo.
Nel mondo indipendentista ma anche Sardista si parla troppo ed a sproposito di gradualità
senza tuttavia argomentarne un chiaro percorso per la nazione, oppure perdendolo per
strada, non una novità nel nostro panorama politico Sardo.
Marzo 2006.
Aggiornamento - Vrs Ottobre 2006.

Progressisti si prepone di seguire la via interna allo stato italiano e la via estera a mezzo
di enti sovranazionali, formazioni politiche ed associative interne ed esterne all' Unione
Europea.
Sul versante esterno alla Sardegna, la via Europea è un passaggio storico fondamentale
cui tante formazioni politiche indipendentiste odierne prediligono, nel nostro contesto non
può assolutamente essere una via privilegiata rispetto alla pista interna. Perchè?
Perchè il nostro contesto vede una situazione sociale e politica estremamente variegata
e frastagliata, è completamente assente nella popolazione il fattore dell' unità nazionale
nonchè delle più basilari azioni date da una piena coesione sociale di tipo territoriale.
E' chiaro quindi che formazioni politiche quali SNI ed il PS d' Az (nell' ALE), non avendo
un seguito politico nella nostra società, non possono essere ritenuti modelli credibili e
validi del popolo Sardo, o meglio, del territorio Sardo.
Non rappresentano la Sardegna ma unicamente se stessi.
La nostra entità specifica in quanto nazione è divenuta minoranza nella popolazione in un
contesto inestricabile ed inquantificabile, l' unico dato reale a disposizione sono le
percentuali politiche date da ogni elezione.
Progressisti non è un soggetto nazionalista, prende atto della realtà corrente e delle
scelte sociali e politiche della popolazione di qualsivoglia professione sita sul nostro
territorio e si prepone di
restaurare le basi portanti della coesione sociale e territoriale,
reinstallando
progressivamente i valori basici della nazione Sarda.
Questa è la differenza dai modelli attualmente operativi.
Non esistono miti o produzioni letterarie di riferimento, la nostra unica concezione
prevede il versatilismo come formula di adeguamento politico alla massa corrente di
elettorato con l' unico obiettivo di raggiungere sedi istituzionali da cui attuare l' Interesse
Nazionale.
La dinamica è improntata al processo della Restaurazione e di una duplice meccanica
per il conseguimento dell' autodeterminazione: Nostro traguardo (Vedi le tutte ns sezioni).
Progressisti non cerca distinzioni tra cittadini di serie a o b, non ci sono differenze tra
Italiani e Sardi, Progressisti punta allo sviluppo economico, sociale e territoriale della
Sardegna come unico elemento attorno a cui ruotare il metro dell' unione popolare.
Non ci può essere sviluppo se non si rappresenta tutti, non ci può essere coesione se
non si sviluppa l' economia e di conseguenza la cultura.
IRS, SNI ed il PS d' Az sono forze che attuano in maniera disordinata le nostre pertinenze
natzionali, senza una chiara strategia ed un percorso ordinato.
Come può partire IRS dalla cultura dimenticando l' economia che è l' aspetto di coesione
sociale portante?
Come può SNI dichiararsi antiglobalizzatrice con la nostra società che avanza in antitesi a
tale direzione?
Come può persistere il PS d' Az con una politica non suffragata più da alcun riscontro
politico e sociale?
Come possono essi parlare oggi di indipendenza se prima non si costruiscono i presupposti
economici e sociali con cui unire la popolazione e convincerla del comune traguardo?
Per le elezioni del 9 aprile 2006, qualche giornale sintetizza nella frase "Divisi, in tre per un
sogno" la natura dei nostri modelli attuali:
Hanno ragione, questa è l' unica credibilità e reputazione che hanno saputo mettere in
piedi, nonostante tutte le comprensibili ed oggettive difficoltà affrontate nel tempo.
Noi non ci prendiamo in giro, non siamo indipendentisti che colorano il mondo su loro
misura, i modelli attualmente esistenti non rappresentano il 90% della società, è tempo
di prendere atto della realtà ed adottare immediatamente le contromisure necessarie per
il contenimento e la salvaguardia dell' identità nazionale:
Ogni mezzo è lecito, entro i binari di una pacifica soluzione politica.
Paradossalmente, i Sardi divengono sempre più ospiti nel loro stesso territorio nazionale,
senza una minima parvenza di unione popolare data dal riconoscimento esplicito della
nazionalità Sarda, è quindi necessario iniziare ad introdurre il concetto di secessionismo.
Progressisti si impegna a tenere viva la volontà per il riconoscimento della nazionalità Sarda
nel quadro delle istituzioni italiane, tra le nostre priorità fondanti.
Tale riconoscimento non è solo un principio, ma un atto dovuto e legittimo:
La Sardegna è una Nazione.
Non nasconderemo mai la nostra identità, nè la nostra missione in nome di un malinteso
senso della conduzione politica.
Rinnovarsi significa portare avanti le medesime battaglie politiche senza perdere di vista chi
siamo e per cosa ci battiamo.
Persino i nostri slogan sono e saranno pregni di accrediti alla naturale esistenza della
Nazione Sarda.
Dobbiamo trasmettere una immagine nuova e seria di Progressimo e di Nazione.
I Progressisti sono indipendentisti, non sono autonomisti o federalisti.
Autonomismo e federalismo rappresentano unicamente possibili strumenti per la trattazione
di un percorso politico graduale, ma la nostra identità, la nostra cultura politica vede
inequivocabilmente alla testa il sacrosanto principio dell' indipendenza.
Qualora una eventuale adesione ad una data coalizione politica comportasse il rischio di un
annacquamento o di una possibile estinzione, non avremo renitenze a rinunciarvici.
Progressisti non ha pregiudizio alcuno nell' adesione ad un ipotetico cartello di forze politiche
dalle finalità analoghe e/o simbiotiche.
Anche tutti i cattolici Sardi non potranno nascondere la testa.
Dio ha creato la Nazione Sarda, Dio benedirà la Sardegna.
Dio saprà difendere i veri cattolici che si battono per la propria Nazione.
Progressisti (Vedi sezione Prospetto), riconosce il federalismo ed anche l' autonomismo
in quanto passaggi o strumenti da utilizzare come soluzione transitoria verso una piena
indipendenza formale e sostanziale dallo stato italiano, altresì comunque preservando con
esso una partnership economica e culturale dettata dalla vicinanza geografica e dalla
componente italiana di popolazione presente nel nostro territorio.
Queste posizioni sono necessarie a dare un quadro di chiarezza e delineare i confini entro
i quali si muoverà la nostra azione politica, evitando quindi parafrasi inconstatabili ed
ambigue tra cittadini che appartengono ad una cultura piuttosto che un' altra:
Sardi ed Italiani.
Progressisti rappresenta anche la nostra componente italiana di popolazione ed ha
interesse a sviluppare l' economia del suo territorio per tutti i nostri concittadini, onde
costituire una cornice di unione popolare basata sul benessere sociale.
Questo è uno dei precedenti che vanno ad introdursi nella concettualità del progetto
Progressista.
Quì non si tratta più di rappresentare politicamente "i Sardi in antitesi agli Italiani", i livelli
di commistione tra le due culture hanno raggiunto nella popolazione una dinamica
inestricabile.
Non è pensabile persistere con modelli che rappresentano unicamente se stessi e non la
maggioranza di popolazione sita nel nostro suolo nazionale.
Ma perchè federalismo?
Perchè non avendo più elementi di coesione sociale attorno a cui riunire la popolazione
del nostro territorio, è prioritario adottare pertinenze territoriali volte a coprire questo
limite.
Abbiamo assolutamente bisogno di strumenti di coesione territoriale: Ad es. Pubblica
sicurezza, sanità, istruzione, fiscalizzazione.
Per questo motivo la via interna nella questione Sarda rimane di pari valore, se non
superiore alla pista esterna: Solo lo stato italiano può trasferire competenze che altrimenti
uno statuto regionale autonomo o una formazione politica Europea non sarebbero in grado
di fornirci.
Tra di essi, la storia ci ha offerto parecchie opportunità, tra cui finalmente una riforma
costituzionale che ci avvicina concretamente a questo passaggio graduale:
Si è ottenuta a mezzo devolution una pubblica sicurezza Sarda, una istruzione scolastica
che pone l' accento sull' ordinamento dei programmi scolastici integrandoli con quelli
italiani. Non si poteva pretendere di sostituire immediatamente la cultura italiana e ci
permettiamo il lusso di definire sciocchi i personaggi che nel mondo indipendentista ed
autonomista si permettono di calpestare in modo irresponsabile e dannoso tale riforma
Costituzionale
.
O forse il Sardismo azionista ritiene che una magra riforma dello statuto regionale ci
avrebbe dato le chiavi di tali competenze oggi statali?
Non avrebbero mai avuto voce in capitolo.
Il riconoscimento della Nazionalità Sarda deve essere anch' esso un passaggio cardine
della nostra politica, ma ogni volta vengono sminuite persino le occasioni che ci si
pongono innanzi in nome di una bieca volontà nel voler ottenere tutto e subito malgrado si
affermi il contrario.
Perchè dunque il Partito Sardo d' Azione non ha preso provvedimenti incisivi contro la
delibera sancita dalla Regione in materia di contrasto referendario alla devolution?
Le valutazioni dell' ALE rappresentano il popolo Sardo?
Il PS d' Az teme un' espulsione dall' ALE?
Se questa è l' utilità di formazioni politiche extranazionali in rotta di derivazione ideologica,
possiamo farne a meno finchè non supereranno tali incongruenze, avremmo maggiori
risultati da soli.
Progressisti consta anche delle positività varie, non solo politiche ma anche sociali ed
economiche in tale riforma costituzionale.
In materia di pubblica sicurezza ad esempio, è possibile sviluppare l' embrione di un corpo di
Politzia Sarda, ma più di ogni altra cosa si garantisce il contenimento di una categoria
professionale che spesso viene dirottata verso il continente.
Perchè i nostri giovani devono partire per lavorare in altre regioni d' Italia e da noi giungono
Siciliani e/o Genovesi?
E' anche nell' interesse di altre regioni acchè i nostri lavoratori rimangano nel nostro ambito
territoriale ed ognuno sviluppi la sua identità in maniera reciproca, sia i Sardi, sia i terzi.
In materia di sanità, la Sardegna viene spesso adebbitata tra le regioni meridionali, ma
qual' è la verità sui costi e la qualità dei servizi erogati dalla regione?
Perchè esiste il mito del nord?
Non è del tutto propaganda il ritenere che il "sud" non sappia amministrare le risorse, ad
esempio la Calabria percepisce in realtà entrate superiori alla Lombardia nel settore sanitario,
eppure a tali spese non corrisponde un' adeguato ricambio prestazionale per il cittadino.
Ma questo non è il sud, in Sardegna è doveroso un processo federalista anche in tal senso
per potenziare le nostre strutture ed alimentare la qualità del servizio al cittadino.
Il federalismo consente ed impone alle regioni di non dissipare le risorse presenti
obbligandole alla miglior spesa possibile nei riguardi dell' utente finale: La popolazione.
Dobbiamo assolutamente sviluppare il nostro contesto territoriale ed ogni percorso appare
ineludibile, senza sviluppo, non vi sarà mai coesione sociale.
Tutte le nostre considerazioni politiche rientrano dunque (anche attraverso gli esempi posti) in
un quadro più vasto, tendente a concretizzare elementi strategici e graduali di un percorso
possibile e credibile verso l' autodeterminazione.
A Roma non consentirebbero comunque un lauto riconoscimento della nazionalità Sarda,
anche in quel caso i "poteri forti" non potrebbero permettersi un precedente che causerebbe
anche per altre regioni reazioni a catena: La richiesta per il trasferimento di competenze dallo
stato centrale alle regioni.
E' necessario dunque creare sul versante interno italiano un cartello federalista per
accrescere il valore politico di questo percorso.
L' interesse nazionale deve avere la priorità in ogni azione politicamente rilevante da
assumere nell' interesse del nostro territorio, poichè esso, sarà il ns collante politico e
sociale di sviluppo.
Le pertinenze sociali citate, pubblica sicurezza, istruzione, etc, sono altresì competenze
rilevanti sotto il profilo politico, volte ad accentuare il potere che avrà una eventuale forza
politica nel poter ottenere quanto dovuto (in ragione del diritto storico all' indipendenza) in
fase di ristesura di più statuti regionali transitori scanditi nel tempo.
Una forza politica oggi assente e senza voce, anche poichè le presenti non dispongono
neppure di una riforma costituzionale su cui basare la loro azione politica, o meglio, la
presente è ignorata.
Per quanto riguarda il PS d' Az, è ovvio che si è scelta la titubanza in tema devolution poichè
è palese il destino di tale riforma, ma anche perchè la testa del governo centrale sarà
fino a prova contraria rappresentata da Prodi, ed inoltre, vi è sempre il fattore ideologico che
vede in maniera alquanto ambigua a sinistra una sedicente "sensibilità" politica in tal senso
superiore al centrodestra.
Non ci sono differenze.
Non si capisce pertanto neppure quale sia la supposta "politica del fare" di IRS, SNI e PS
d' Az. Non basta creare i movimenti e poi arrovellarsi tanto in soluzioni politiche prive di un
solido costrutto alla base che ne sancisca un chiaro percorso fin dall' inizio.
Il federalismo fiscale è un' altra tappa prioritaria da cui non si può evadere o girarci intorno.
E' fondamentale ottenere che le uscite e le entrate del nostro territorio non partano nei
meccanismi fiscali di interscambio attuale con Roma e poi vengano redistribuiti alla Regione.
E' necessario invece che le regioni abbiano competenza in materia, ed anche questo è
un' aspetto legisaltivo che necessita di una riforma costituzionale per poter essere attuato, è
inutile altrimenti esibirsi come IRS in proposte poco fattibili quali la sedicente "Cassa Sarda
delle Entrate" cui la legislazione vigente non consente di attuare.
Qualora fosse una provocazione, non si capisce a chi sia rivolta, non si tratta di un soggetto
politico dalle ampie preferenze popolari.
IRS deve inoltre abbandonare i miti inseguendo persino fisiologiche percentuali di non votanti,
contenenti non solo astensionismo, ma anche popolazione interdetta al voto per svariate
motivanti: Età, etc.
Ricordiamoci inoltre che tra la popolazione anziana vi è un alto tasso di cattolicesimo,
retaggio insito in un passato Democristiano.
E' tempo per la Nazione di riprendersi il suo popolo.
La Nazione non ha bisogno di protagonisti ma di progressisti.
Progressisti si impegna a costituire una struttura sociale multiarticolata nel ns territorio,
sia sull' economia, sia nell' ambito della società civile.
La nostra risolutezza e la nostra determinazione nel cambio di rotta e di immagine data da
un moderno e dinamico partito progressista sarà oltretutto volta a porre con le spalle al
muro una certa "risma di partitelli", multiformi, tesi a rappresentare impropriamente una
cultura a loro estranea.
Tra le file degli attuali indipendentisti si ode spesso: "Senza la piena autodeterminazione,
non vi sarà mai reale libertà di manovra".
Bella scoperta diciamo noi, ma come conseguire l' indipendenza se non si delinea un chiaro
percorso?
Persino SNI deve rinunciare a dichiararsi artefice di un' improbabile cartello elettorale unitario,
che, secondo il modello esposto da tale movimento, non risulta credibile.
Progressisti supera classisti settarismi divisori tra indipendentismo ed autonomismo, perchè?
Perchè per la popolazione sono tematiche che non esistono, non conoscono nè
l' autonomismo, nè credono all' indipendentismo, in questo senso le responsabilità sono
alla luce del sole.
A livello politico, sono esclusivamente delle pagliacciate tenute in piedi per perseguire e
minare le basi dell' unità politica nazionale.
Progressisti si occuperà eventualmente di tali pertinenze senza necessariamente alimentare
nel mondo politico tali concettualità, saranno i cittadini stessi a valutare i mutamenti, la
nostra opera perseguirà meno le chiacchiere e più i fatti.
Anche IRS dovrebbe astenersi dal parlare di unità nazionale, nei fatti il movimento si dimostra
avverso a qualsiasi metro di partecipazione alla vita economica e civile della Nazione Sarda
e mantiene vive le condizioni concettuali di tali divisioni, ritrovandosi praticamente da solo
a rappresentare un popolo che non esiste nei termini in cui viene considerato.
Niente e nessuno può provare sin' ora che in Sardegna sia possibile giungere alla piena
autodeterminazione senza il conseguimento di passaggi graduali che possono passare per
svariati percorsi, tra cui a limite, autonomismo, federalismo o  terzi percorsi.
Sfidiamo i movimenti a dimostrare il contrario e ad argomentare con chiarezza un preciso
percorso volto a suffragare le loro tesi, senza sollevare lo stereotipo del Partito Sardo
d' Azione (che tra l' altro persiste nelle sue disavventure politiche).
Quale è il percorso alternativo e graduale presentato dai modelli IRS e SNI?
Si tira avanti sperando di crescere?
Con quali strumenti?
Potevano anche risultare credibili qualora si fosse inseriti in un contesto di forte
partecipazione civile ed unitaria per la politica della Nazione Sarda, ma così non è.
Progressisti punta al terzo polo e si prepone di lavorare ai presupposti che ne consentano
una effettiva realizzazione politica, fino ad allora sarà possibile operare in coalizione con uno
dei due poli italiani, sia esso di centrodestra o centrosinistra. Perchè?
Perchè è necessario spezzare l' isolamento mediatico e politico in cui versano i nostri modelli
attuali, tutti gli organi e le strutture sociali esistenti oggi sono parte integrante di una chiara
forza politica e culturale esterna all' identità nazionale Sarda.
E' fondamentale integrarsi nella politica e nella società Sarda, previo sviluppo di accordi
strategici e duraturi nel quadro del comune Interesse Natzionale e della Responsabilità
Natzionale, non vi possono essere scambi di retrobottega o posizionamenti all' angolo quali
i trascorsi del PS d' Az, peraltro segnati da clamorosi errori umani e politici che hanno leso
la corsa verso l' indipendenza.
E' interessante al riguardo la meccanica strategica sviluppata dalla Lega Nord Padania nel
quadro delle alleanze sinergiche alle proprie finalità, pur tenendo presenti le disparità
contestuali alla nostra realtà politica ed anche sociale.
Qualora impossibilitati a tale manovra, sarà evidente dover affrontare un percorso politico
equidistante dai succitati poli.
Vi è altresì la possibilità che nei prossimi anni un reale terzo polo in antitesi ai poli italiani
possa essere costituito in tutta Italia da movimenti tendenti a modificare la Costituzione
sulla base delle rispettive finalità.
In ragione di tali considerazioni, Progressisti delinea quindi il suo raggio d' azione su tre
variabili:
- Accrescimento del consenso politico interno alla Sardegna e conseguente accreditamento
della propositività politico-popolare.
- Adesione ad un cartello unitario interno all' Italia in chiave federalistica che consenta il
trasferimento di pertinenze statali che altrimenti un isolato statuto regionale autonomo non
potrebbe mai ottenere.
- Via Europea, in ragione della costituzione di una via estera per il conseguimento politico
degli obiettivi.
Dato il contesto sociale e politico Sardo, nessuna delle tre vie citate ha valenza superiore
all' altra: Tutte e tre sono pilastri fondamentali.
Perchè seguiamo dunque con interesse persino l' azione politica della Lega Nord?
Perchè ha introdotto un nuovo principio nel quadro della corsa verso l' indipendenza.
Il criterio dell' unità in seno al territorio che deve ottenere l' autodeterminazione si va ad
estendere a tutto il territorio dello stato centrale stesso, unendo tutti i movimenti che mirino
a costituire nel loro ambito dei punti di struttura sociale, ad esempio in materia di sanità,
istruzione, etc.
L' unità di tali movimenti non segue più solo un versante estero (UE nel caso), ma anche il
versante interno, all' apparenza non meno difficoltoso del primo, ma in realtà volto a sviluppare
una meccanica federalista tesa a concretizzare una formula embrionale di coesione sociale
nei territori interessati.
E' tempo dunque anche per la storia dell' indipendentismo Sardo di intraprendere questo
ulteriore gradino strategico-politico verso l' autodeterminazione, senza rinunciare
aprioristicamente ad un percorso mai tentato prima.
Si apre una stagione nuova.
Progressisti non rimarrà inerme.
Progressisti mira altresì a superare i vecchi ostacoli di natura ideologica, settaristica ed
anche strategica, nel quadro di un destino chiaro e condiviso per la nostra terra.
In tal senso, il ritardo politico per la Sardegna è purtroppo ancora presente ed opprimente.
Questa sezione non terminerà con i classici slogan "Fintzas a s' Indipendentzia", termina
con un' auspicio, che IRS, SNI, ed anche il Partidu Sardu sappiano mettere da parte le
proprie rispettive diffidenze, per lavorare insieme ad una compiuta riforma del modello politico
da proporre alla Nazione.
Progressisti si prepone di dialogare con tutti i soggetti politici citati (non escluso l' UDS), ma
non prenderà mai parte a riforme fasulle o tese a preservare modelli concettuali difformi dalla
nostra società.
Sono al riguardo inderogabili i passaggi esposti nella sezione Innovazioni.
Oltre tali passaggi, non è più possibile tornare indietro.
I modelli attuali sono gli ultimi precetti di una realtà ormai distante dalla nostra popolazione
e sono essi stessi concausa ed effetto della comune rovina nazionale (Per via dell' immagine
costruita negli anni), decretando quindi le condizioni politiche per la loro medesima
autoestinzione.
Il voto democratico dei Sardi ha più volte sancito il loro destino.
Fino ad allora, il progetto Progressisti tenterà comunque in misura autonoma ed equidistante
di dare corso pratico alle proprie valutazioni, onde scavalcare direttamente eventuali dibattiti
con i soggetti citati potenzialmente inconcludenti o privi di qualsivoglia argomentazione
politica valida nel nostro contesto.
Le tradizioni non rientrano nella nostra ottica di concepire l' azione politica da portare avanti,
considerando del resto i magri risultati apportati sin' ora alla Nazione Sarda.

Aggiornamento 15-03-2006.

Comunicato:
A seguito della vicenda e del dibattito politico inerente la candidatura di Giacomo Sanna (PS
d' Az) in accordo con la Lega Nord per le politiche del 9 aprile, è apparso subito chiaro il clima
che circonda tali manovre politiche, spesso dettate più da motivanti ideologiche che
strategiche.
Più che da un chiaro percorso istituzionale e politico da intraprendere, la maggioranza del
mondo politico indipendentista ha maturato un atteggiamento di opposizione senza alcuna
valida argomentazione politica, ma più semplicemente concettuale.
La Lega Nord appare essere il bersaglio privilegiato in ragione di una parte della propaganda
anti-immigrazione nordista che rende incompatibile il ruolo di partnership politica con gruppi
indipendentisti di estrazione postcomunista, ad oggi la maggioranza.
Il problema è presente in entrambe le parti in causa, da un lato il nostro indipendentismo,
figlio di un "Nò" costante che limita qualsiasi innovazione poltica (spacciandola per il solito
teatrino "servile" antisardista) e con cui ci si chiude a priori verso ogni ipotesi di alleanza per
delle finalità non dissimili nella sostanza.
Dall' altro lato vi è la consapevolezza che tali comportamenti di intolleranza da parte della
Lega nel quadro della sua propaganda rispecchia un sentire diffuso nelle regioni del nord Italia,
un problema che nasce da una criminalità ed una immigrazione alquanto invadente nel quadro
della società civile.
Ma questo non costituisce un metro politico valido per cui i nostri movimenti indipendentisti
possono motivare a loro volta una intolleranza verso la Lega Nord.
In questo discorso l' ALE non ha voce, ingessato tra le diverse sensibilità che lo compongono
e la chiara disparità di vedute che separa la valutazione di altri movimenti indipendentisti
d' Italia dal (nella fattispecie) PS d' Az.
In Italia, si è ricercato il dialogo con l' Unione di centrosinistra, ma in Sardegna l' Unione di
centrosinistra ha posto paletti precisi che avrebbero imposto la distruzione del Sardismo
Azionista.
E questo non è accettabile.
Il senso dello "Stato" e della Nazione per i Sardi vede alla testa la tutela di tutte le nostre
forze politiche, senza se e senza ma.
Non ci si piegherà alla logica di scomparire in nome di alleanze dettate dall' opportunismo del
momento e da una discreta dose di ideologismo politico.
E' esattamente l' opposto della realtà, tutte le persone che oggi a sproposito criticano la
figura di Sanna sono gli stessi che con un simile ed obsoleto comportamento erroneo
avrebbero perseguito proprio una politica segnata da posizionamenti all' angolo e scarse
concrete possibilità di emergere.
Come insegna il passato.
Difficile riconoscere tuttavia al PS d' Az una qualche valenza politica, gli accordi dell' ultimo
minuto stanno alla base dell' incoerenza e della inaffidabilità programmatica.
Per quanto riguarda il Progetto Progressisti, non cercheremo mai alleanze senza consultare
preventivamente le sensibilità in campo, ma non rinunceremo mai ad alleanze vitali da un
punto di vista strategico.
Si ribadisce la dissociazione da comportamenti di intolleranza razziale che non ci
appartengono, nè possono essere propedeutici alla nostra azione politica.
URN Sardinnya non chiude la porta a qualsivoglia percorso unitario nel' interesse della
Nazione.

URN Sardinnya
Download this area on PDF








Indipendentzia de Sardigna: Produzione URN Communications Sardinnya - Copyright © 2005/2006 - All rights reserved