AFGHANISTAN +4:30' ALBANIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ALGERIA +1 ora AMERICAN SAMOA -11 ore ANDORRA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ANGOLA +1 ora ARGENTINA -3 ore ARMENIA +4 ore +5 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ARUBA -4 ore BONAIRE, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN AUSTRALIA LORD HOWE ISLAND NEW SOUTH WALES, VICTORIA, A.C.T., HIS, HTI, LDC NORTHERN TERRITORY OUEENSLAND SOUTH AUSTRALIA TASMANIA WESTERN AUSTRALIA +10:30' +11 ore +10 ore +11 ore +9:30' +10 ore +9:30' +10:30' +10 ore +11 ore +8 ore SYDNEY Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo DARWIN ADELAIDE Incluso BROKEN HILL, NSW Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Marzo AUSTRIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre AZERBAJIAN +4 ore AZORES Vedi PORTUGAL BAHAMAS -5 ore -4 ore Escluso TURKS AND CAICOS ISLANDS Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BAHRAIN ISLAND +3 ore BANGLADESH +6 ore BARBADOS -4 ore BELARUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELGIUM +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELIZE -6 ore BENIN, PEOPLES REPUBLIC +1 ora DAHOMEY BERMUDA -4 ore -3 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BHUTAN +6 ore BOLIVIA -4 ore BONAIRE -4 ore ARUBA, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN BOSNIA HERCEGOVNIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BOTSWANA +2 ore BRAZIL EAST WEST TERRITORY OF ACRE FERN. DE NORONHA MOST MAJOR AIRPORTS -3 ore -2 ore -4 ore -3 ore -5 ore -2 ore -3 ore COASTAL STATES, SAO PAULO, RIO, BRASILIA Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio ATLANTIC ISLANDS BRITISH VIRGIN ISLANDS -4 ore BRUNEI DARUSSALAM +8 ore BULGARIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BURKINA FASO GMT BURMA Vedi MYANMAR BURUNDI +2 ore CAMBOGIA +7 ore CAMEROON, REPUBLIC OF +1 ora CANADA NEWFOUNDLAND ATLANTIC EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC YUKON TERRITORY -3:30' -2:30' -4 ore -3 ore -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore ST.JOHN'S Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HALIFAX Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TORONTO, MONTREAL, OTTAWA Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre REGINA, WINNIPEG Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CAPE VERDE -1 ora CAYMAN ISLANDS -5 ore CENTRAL AFRICAN REPUB. +1 ora CEYLON Vedi SRI LANKA CHAD +1 ora CHILE CONTINENTAL EASTER ISLAND -4 ore -3 ore -6 ore -5 ore Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo CHINA, PEOPLE'S REPUBLIC +8 ore COCOS (Keeling) ISLANDS +6:30' COLUMBIA -5 ore COMOROS Vedi MAYOTTE CONGO +1 ora COOK ISLANDS -10 ore COSTA RICA -6 ore COTE D'IVOIRE GMT CROATIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CUBA -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Seconda dom. di Ottobre CURACAO -4 ore ARUBA, BONAIRE, SABA, ST-MAARTEN CYPRUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CZECH REPUBLIC +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DENMARK +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DJIBOUTI +3 ore DOMINICAN REPUBLIC -4 ore ECUADOR CONTINENTAL GALAPAGOS ISLANDS -5 ore -6 ore EGYPT +2 ore +3 ore Prima dom. di Maggio-30 Ottobre EL SALVADOR -6 ore ENGLAND Vedi UNITED KINGDOM EQUITORIAL GUINEA +1 ora ERITREA +3 ore ESTONIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ETHIOPIA +3 ore FALKLAND ISLANDS -4 ore -3 ore PORT STANLEY Seconda dom. di Settembre-Terza dom. di Aprile FAROE ISLAND GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FIJI +12 ore FINLAND +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRANCE +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRENCH GUIANA -3 ore FRENCH POLYNESIA GAMBIER ISLAND MARQUESAS ISLANDS SOCIETY ISLAND, TAHITI, TUBUAI ISLAND, TUAMOTU ISLAND -9 ore -9:30' -10 ore GABON +1 ora GAMBIA GMT GEORGIA +3 ore +4 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GERMANY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GHANA GMT GIBRALTAR +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREECE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREENLAND SCORESBYSUND THULE -3 ore -2 ore -1 ora GMT -4 ore -3 ore ANGMAGSSALIK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GUADELOUPE -4 ore ST.BARTHELEMY,NORTHERN ST.MARTIN GUAM +10 ore GUATEMALA -6 ore GUINEA GMT GUINEA-BISSAU GMT GUYANA -4 ore HAITI -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HONDURAS -6 ore HONG KONG +8 ore HUNGARY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ICELAND GMT INDIA +5:30' ANDAMAN ISLANDS INDONESIA CENTRAL EAST WEST +8 ore +9 ore +7 ore KALIMANTAN, SULAWESI IRIAN, BARAT SUMATRA, JAVA, BALI, JAKARTA IRAN +3:30' +4:30' 1° giorno di primavera-1° giorno di autunno IRAQ +3 ore +4 ore 1 Aprile-30 Settembre IRELAND, REPUBLIC OF GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre ISRAEL +2 ore +3 ore 1 Aprile-Ultima dom. di Agosto ITALY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre JAMAICA -5 ore JAPAN +9 ore JOHNSTON ISLAND -10 ore JORDAN +2 ore +3 ore 1 Aprile-15 Ottobre KAMPUCHEA, DEM. Vedi CAMBODIA KAZAHSTAN +6 ore +7 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre KENYA +3 ore KIRIBATI, REPUBLIC OF CANTON, ENDERBURY IS. CHRISTMAS ISLANDS +12 ore -11 ore -10 ore KOREA, DEM. REPUBLIC OF +9 ore KOREA, REPUBLIC OF +9 ore KUWAIT +3 ore KYRGYZSTAN +5 ore +6 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LAOS +7 ore LATVIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LEBANON +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre LEEWARD ISLANDS -4 ore ANTIGUA, DOMINICA, NEVIS MONTSERRAT, ST. KITTS ST. CHRISTOPHER, ANGUILLA LESOTHO +2 ore LIBERIA GMT LIBYAN ARAB JAMAHIRIYA +2 ore LITHUANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LUXEMBOURG +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MACEDONIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MADAGASCAR +3 ore MADEIRA Vedi PORTUGAL MALAWI +2 ore MALAYSIA +8 ore MALDIVES +5 ore MALI GMT MALTA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MARTINIQUE -4 ore MAURITANIA GMT MAURITIUS +4 ore MAYOTTE +3 ore MEXICO BAJA CALIFORNIA SUR & N. PACIFIC COAST (STATES OF NAYARIT, SINALOA AND SONORA) BAJA CALIFORNIA NORTE -6 ore -7 ore -8 ore -7 ore CULICAN, LA PAZ, & MAZATLAN ABOVE 28TH PARALLEL Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre MIDWAY ISLAND -11 ore MOLDOVA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONACO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONGOLIA +8 ore +9 ore ULAN BATOR Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre MOROCCO GMT MOZAMBIQUE +2 ore MYANMAR +6:30' NAMIBIA +1 ora +2 ore FORMERLY BURMA Prima dom. di Settembre-Prima dom. di Aprile NAURU, REPUBLIC OF +12 ore NEPAL +5:45' NETHERLANDS +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre NETHERLANDS ANTILLES -4 ore SOUTHERN ST. MAARTEN NEW CALEDONIA +11 ore NEW HEBRIDES Vedi VANUATU NEW ZEALAND CHATHAM ISLAND +12 ore +13 ore +12:45' +13:45' Escluso CHATHAM ISLAND Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo NICARAGUA -6 ore -5 ore 1° gennaio - ? NIGER +1 ora NIGERIA +1 ora NIUE ISLAND -11 ore NORFOLK ISLAND +11:30' NORTHERN IRELAND Vedi UNITED KINGDOM NORWAY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre OMAN +4 ore PACIFIC ISLANDS TRUST CAROLINE ISLAND KUSAIE, PINGELAP, MARSHALL ISLANDS KWAJALEIN MARIANA ISLAND PALAU ISLAND PONAPE ISLAND +11 ore +12 ore +12 ore +10 ore +9 ore +11 ore Escluso GUAM PAKISTAN +5 ore PANAMA -5 ore PAPUA NEW GUINEA +10 ore Incluso BOUGAINVILLE ISLAND PARAGUAY -4 ore -3 ore Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio PERU -5 ore PHILIPPINES, REPUBLIC OF +8 ore POLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PORTUGAL AZORES MADEIRA MAINLAND -1 ora GMT GMT +1 ora +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima domenica di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PUERTO RICO -4 ore QATAR +3 ore REUNION +4 ore ROMANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre RUSSIAN FEDERATION Zona 1 Zona 2 Zona 3 Zona 4 Zona 5 Zona 6 Zona 7 Zona 8 Zona 9 Zona 10 Zona 11 +2 ore +3 ore +3 ore +4 ore +4 ore +5 ore +5 ore +6 ore +6 ore +7 ore +7 ore KALININGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MOSCOW, ST. PETERSBURG, MUMARSK, ASTRAHAN, VOLROGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAMARA, IZHEVSK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CHELYABINSK, EKATRINBU RWANDA +2 ore SABA -4 ore ARUBA, BONAIRE, CURACAO, ST. MAARTEN ST. MAARTEN Vedi NETHERLANDS ANTILLES ST. KITTS-NEVIS -4 ore ST. LUCIA -4 ore SAINT PIERRE AND MIQUELON -3 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre SAINT VINCENT AND THE GRENADINES -4 ore SAMOA -11 ore SAN MARINO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAO TOME ISLAND AND PRINCIPE ISLAND GMT SAUDI ARABIA +3 ore SCOTLAND Vedi UNITED KINGDOM SENEGAL GMT SEYCHELLES +4 ore SIERRA LEONE GMT SINGAPORE +8 ore SLOVAKIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SLOVENIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SOLOMON ISLANDS +11 ore Escluso BOUGAINVILLE IS. SOMALIA +3 ore SOUTH AFICA +2 ore SPAIN CANARY ISLANDS CONTINENTAL, BALEARIC, AND MALLORCA ISLANDS MELILLA GMT +1 ora +1 ora +2 ore +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SRI LANKA +5:30' ST. HELENA GMT SUDAN +2 ore SURINAME, REPUBLIC OF -3 ore SWAZILAND +2 ore SWEDEN +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SWITZERLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SYRIA +2 ore +3 ore 1 Aprile-30 Ottobre TAIWAN +8 ore TAJIKSTAN +5 ore TANZANIA +3 ore THAILAND +7 ore TOGO GMT TONGA +13 ore TRINIDAD AND TOBAGO -4 ore TUNISIA +1 ora TURKEY +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre TURKMENISTAN +5 ore TURKS AND CAICOS ISLAND -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TUVALU +12 ore UGANDA +3 ore UKRAINE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre UNITED ARAB EMIRATES +4 ore ABU DHABI, DUBAI, SHARJAH, RAS AL KHAIMAH UNITED KINGDOM GMT +1 ora CHANNEL ISLANDS, SCOTLAND, NORTHERN IRELAND, WALES Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre UNITED STATES Vedi USA URUGUAY -3 ore -2 ore Terza dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio USA EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC ALASKA STD ALEUTIAN ARIZONA HAWAII INDIANA (EAST) BERING -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore -9 ore -8 ore -10 ore -9 ore NEW YORK, WASHINGTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CHICAGO, HOUSTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre DENVER Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre LOS ANGELES, SAN FRANCISCO Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre USSR Vedi RUSSIAN FEDERATION UZBEKISTAN +5 ore VANUATU +11 ore NEW HEBRIDES VATICAN +1 ora VENEZUELA -4 ore VIETNAM, SOCIALIST REP. +7 ore VIRGIN ISLANDS -4 ore ST. CROIX, ST. THOMAS, ST. JOHN WAKE ISLAND +12 ore WALES Vedi UNITED KINGDOM WALLIS AND FUTUNA ISLAND +12 ore WINDWARD ISLANDS -4 ore GRENADA, ST. LUCIA YEMEN, REPUBLIC OF +3 ore BOTH REPUBLICS YUGOSLAVIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ZAIRE KINSHASA MBANDAKA KASAI, KIVU, HAUT-ZAIRE, SHABA +1 ora +2 ore ZAMBIA +2 ore ZIMBABWE +2 ore




                                                                                                                          

L'opinione



Riciclaggio
La situazione politica italiana
Duos annos de U.R.N. Sardinnya
Bilancio, situazione ed aspettative nei
mutamenti occorsi in Italia e Sardegna
La lunga strada delle riforme

Dicembre 2007.                                                                                                                     Editoriale.

Cari Lettori,
Correva il dicembre 2005, benvenuti nel secondo anno di attività del nostro network.
Che cosa succede in Italia? La Casa delle Libertà crolla per ridefinire ruoli e
geografia del centrodestra; la sinistra governativa sopravvive alla finanziaria e
prosegue la sua guerra settoriale per la fondazione del Partito Democratico.
Diversi politici Sardi osservano con stupore un terremoto del tutto programmato.
E' un piacere che con oltre un anno di ritardo anch' essi siano arrivati alle
medesime conclusioni che nei nostri spazi conoscete da tempi non sospetti.
Un piacere dal sapore amaro tuttavia, uno stupore che rappresenta la spia di
una manifesta incapacità politica di percepire gli eventi, uno stupore oggi presente
sui volti di chi ci governa e di chi pretenderebbe di farlo.
Per bocca dello stesso leader di FI Silvio Berlusconi, il bipolarismo perfetto in
Italia è impossibile nella patria del frazionismo, ma è pur sempre percorribile la
strada di un "bipolarismo all' Italiana", magari con sistema proporzionale tedesco.
Non è difficile immaginare due grandi partiti contendersi Palazzo Chigi sulla base
di percentuali elettorali che di fatto escludono dal governo ale radicali, il tutto
coniugato magari da un grande centro e/o alle appendici da formazioni politiche
affini per programma, anche con "grandi coalizioni", non più dunque accozzaglie
parlamentari dal dubbio spessore governativo come nel presente.
Fiutato l' affare del progetto nato sul tavolino di Montezemolo, i vari Veltroni,
Berlusconi e Casini tentano la via del riciclaggio, chi sfornando nuove etichette,
chi spacciandosi come "volto nuovo" della politica dopo decenni di presenza nella
stessa, chi stracciandosi le vesti per il "golpe di una notte" con cui Forza Italia
confluisce verso una nuova denominazione, evento su cui dopo pochi giorni lo
stesso Berlusconi fa marcia indietro annunciando che il PDL non sarà altro che un
"partito rete" aperto a tutti per cui nascerà una costituente, mentre Forza Italia
rimarrà intatta fino a futura configurazione del progetto "Partito Popolare delle
Libertà".
Un piccolo cataclisma causato dall' errore di valutazione di Sandro Bondi e soci:
Il governo non è crollato di fronte alla finanziaria come si pensava, evento che
ha determinato una automatica presa di coscienza da parte di Berlusconi, ovvero
che a breve non vi sarà alcuna nuova elezione, piuttosto è il momento di aprire la
porta al dialogo con la sinistra per le riforme, come abbiamo modo di osservare
questi giorni, Veltroni in primis.
Per il governo Prodi rimane l' incognita al Senato del gruppo di onorevoli al seguito
di Lamberto Dini, superato lo scoglio parlamentare sul welfare, la situazione
appare tuttavia sempre più chiara su ciò che sarà il futuro assetto istituzionale
della politica italiana. Rifondazione Comunista non demorde ed esige una verifica
di programma sin da gennaio per dirimere la profonda crepa apertasi in seno alla
maggioranza, o ciò che ne rimane.
In questo confusionario quadro della politica italiana, registriamo che proprio dalle
ceneri della CDL parte il primo impulso riformista, sono infatti state tra Veltroni,
Fini e Casini le prime intese sulle riforme istituzionali ed elettorali, tra cui pare, in
8/12 mesi potrebbe nascere una proposta di legge per un Senato delle regioni.
All' interno della riforma elettorale sembra ventilare non solo l' ipotesi sul modello
tedesco ma anche parti del modello elettorale spagnolo, soluzione che nella sua
generalità non soddisferebbe movimenti come i Verdi rispetto ad altre sigle, in
quanto non radicati su determinate percentuali in date circoscrizioni ma solo in
linea assoluta a livello nazionale, ciò impedirebbe loro l' ingresso a Montecitorio.
Gli sbarramenti locali soddisferebbero invece movimenti come Lega Nord Padania
o Udeur presenti e consolidati su determinate amministrazioni locali.
Staremo a vedere il risultato finale delle bozze che salteranno fuori sulla prossima
legge elettorale.
L' Italia salva il salvabile di una barca che affonda nei deficit più disparati mentre da
noi l' isola gode di risorse inestimabili inutilizzate e/o non valorizzate da forza
lavoro ed universitaria costretta dal decadente sistema economico italiano ad
emigrare e non investire sul nostro territorio.
Rimane un velo di amarezza nello scorgere che nelle aree più lontane dal centro
del riformismo si riposizionano ideologie (chi tra destra, chi tra sinistra) dal sapore
nostalgico, spesso folkloristiche nelle rispettive goliardate ed immature nella
comprensione della comune accettazione delle differenze che le
contraddistinguono. Per carità, la democrazia esige l' alternanza, ma non una
alternanza basata su peculiarità etiche e sociali oggi superate.
Ad esempio, le destre marginali vicine a simbologie più da "ventennio" che non
da nuovo millennio, anche per quanto riguarda l' accettazione dell' immigrazione
regolata, più (purtroppo) sulla base di pregiudiziali etniche che non sulla base di
capacità professionali e/o ricchezza multiculturale.
Che dire della sinistra radicale? Ancora orfana della comprensione nel 2007 delle
dinamiche che tutelano la nostra società ed i mercati da un mancato sviluppo,
quest' ultimo assai presente in regimi verso cui spesso simpatizzano, tra cui Cuba.
Ma se la politica è anche lo specchio di un dato paese, nell' Italia repubblicana
ciò assume il colore dell' immaturità politica di buona parte di questo popolo.
Cos' è quindi la politica in Italia? Forse l' arte di rappresentare le proprie
immaturità.
Piuttosto, la Sardegna? Archiviato il caso Soru - Cabras, la destra latita.
Attraverso quali misure la politica indipendentista Sarda si prepara alla situazione?
Probabilmente non si prepara affatto, una parte di essa è ancora occupata a dare
addosso al Popolo Sardo, ad ignorarne le aspettative, ad avversarne diverse
categorie professionali, tra cui corpi militari e di Polizia, pilastri della Pubblica
Sicurezza in cui parecchi Sardi operano ogni giorno con dedizione e riescono a
mandare avanti la famiglia tra innumerevoli avversità.
Quando iniziammo l' opera di critica, pressione ed informazione politica del nostro
network, presso l' indipendentismo Sardo era impensabile non dichiararsi come
provenienti da estrazioni politiche di sinistra, nella fattispecie, da una obsoleta
concezione del Marxismo in cui la cultura dell' antagonismo prevale su tutto,
persino tavolta sui Sardi stessi, giudicati di tanto in tanto alla stregua di "biechi
traditori al saldo dell' imperialismo".



I modelli per l' indipendentismo nostrano non sono (se proprio idoli devono esserci)
formazioni politiche quali il Blocco del Québec o lo Scottish National Party di
Scozia (UK), sono piuttosto modelli che a differenza dei citati non hanno mai
conseguito risultati politici concreti per la loro nazione, nella migliore delle ipotesi.
La peggiore è che alcuni di questi movimenti (PKK, Sinn Féinn, Batasuna, etc.) si
sono addirittura inimicati parte del loro stesso popolo generando ulteriore
frazionismo interno e, purtroppo, ricorrendo talvolta neppure tanto velatamente a
simpatizzare con gruppi paralleli armati.
Ricordiamo ovviamente che l' indipendentismo Sardo vive in misura esclusiva nel
quadro di una battaglia politica democratica, lungi da frange estremistiche vicine
alla penombra della violenza.
Ma se l' indipendentismo europeo nella sua preponderante componente ideologica
non ha mai cavato ragni dal buco, non si capisce per quale motivo solidarizzare
con tali formazioni quando piuttosto le stesse andrebbero educate ad una nuova
linea politica, più incentrata sul moderatismo e l' integrazione in questa società
globalizzata che non alla sua opposizione.
Movimenti di indiscusso successo come ad esempio il DPP Taiwanese, l' SNP ed
il Blocco del Québec sono riusciti a coinvolgere nella loro opera ogni categoria
professionale della nazione, portandola attraverso strumenti democratici alla
consapevolezza della necessità di una automazione rispetto agli stati centralisti.
Così, mentre l' Italia oggi pone all' angolo il massimalismo e la sinistra contestativa,
in Sardegna l' indipendentismo si comporta esattamente all' opposto di quel sano
buonsenso con cui invece Roma ci sottrae elettorato moderato.
Nella nostra isola non si lavora per riformare, si lavora per consolidare ed estendere
numeri irrisori di antagonismo, si lavora per rimanere nell' angolino politico in eterno.
I responsabili oggi di questa situazione sono in misura progressivamente più tenue
alcuni settori di IRS, buona parte di Sardigna Natzione ed il movimento A Manca
pro s' Indipendentzia a cui vanno abbinati alcuni gruppi minoritari.
La cultura del post-sessantottismo è dura da eradicare, ma è un processo
inevitabile nel decennio che abbiamo di fronte.
I ritardi paiono spesso insormontabili.
Saremo con essi qualora capaci di riformare.
E' vero, se oggi siamo quì, lo si deve anche a movimenti che per primi, a fronte del
declino azionista nel '900, hanno nominato con più coraggio la parola
"Indipendenza". Ciò non toglie che essi oggi siano i primi promoters della disunione
e dell' antagonismo ideologico con cui alimentano il baratro che separa la causa
della comune autodeterminazione dal resto della società civile.
Il Partito Sardo d' Azione vendette la sua casacca all' unionismo italiano perdendo
così quella straordinaria opportunità storica di conseguire per gradi una sempre più
maggiore autonomia dallo stato italiano, per poi infine giungere alla piena
indipendenza. Progetto deluso da personalismi e piccole lotte intestine di potere.
Ma l' errore più grave oggi sarebbe generare ulteriore frazionismo abbinando il
giudizio storico a quello politico.
Errore di cui si è macchiata IRS, il movimento di Gavino Sale.
Grazie all' opera di informazione da noi prodotta nell' ultimo biennio, sempre più
militanti indipendentisti sono disponibili a riflettere sugli errori delle rispettive
dirigenze politiche, più che su alcuni contenuti, sul metodo di conduzione politica.
La militanza ispirata ai criteri delle liberaldemocrazie cresce, sfortunatamente è
cresciuta anche in misura robusta proprio quella sinistra indipendentista che da
anni vieta l' espansione sociale della causa.
In quanto <<all' antisardismo>>, dobbiamo ricordare che esso è un anti-valore, ed in
quanto tale non può rientrare nei principi di chi ad esempio erge il Gandhismo a
proprio punto di riferimento. Si tratta con ogni evidenza di una clamorosa svista.
A nostro avviso, simili mitologie non hanno ragione di esistere nella Sardegna del
2007, è prioritario avvicinarsi alle esigenze reali e quotidiane dei nostri concittadini.
Figure come Antoni Simon Mossa, per quanto stimabili storicamente, appaiono
superate nel raffronto con la società contemporanea, del tutto prossima ad una
generazione globalizzata e multiculturale.
La nostra opera non è sufficiente, per questo auspichiamo un incremento delle
nostre capacità espositive pubbliche da un mezzo quale ad esempio il web, in
ragione della facilità con cui possono essere raggiunti i lettori più disparati nel
territorio, siano essi indipendentisti e non, i quali avranno sempre di fronte una
concezione moderna della causa, aperta ad una globalizzazione più equa e vicina
ai bisogni reali dei nostri amici concittadini.

Abbiamo bisogno che l' indipendentismo Sardo si riformi, che sviluppi la
consapevolezza storica di dover abbandonare il ruolo dell' antagonismo al sistema
per integrarsi in esso a pieno titolo, recuperando credibilità, rinunciando al folklore,
al radicalismo, a qualsiasi elemento negativo di matrice ideologica che si
anteponga al fine ultimo eludendone la capacità di governo:
Unico strumento democratico per poter apportare un effettivo mutamento della
situazione istituzionale, quindi anche economica e sociale Sarda.
Non abbiamo bisogno di no-globals o pubbliche comparsate, abbiamo bisogno di
seri indipendentisti.
Abbiamo altresì bisogno di una classe dirigente indipendentista che sappia dire nò
ad una militanza spesso antagonista, derivante da una sinistra radicale che vieta
l' espansione sociale della causa indipendentista, che si oppone alle riforme, che
si erge a giudice e carnefice di qualsivoglia soggetto stoni con principi superati e
privi di una ipotetica e concreta applicazione pratica.
L' ideologia nata nel Marxismo è oggi il primo cancro dell' indipendentismo Sardo.
Essere comunisti non è naturalmente una "colpa", chi come noi sostiene i principi
liberali della democrazia non può che rispettare ogni forma di pensiero.
Il problema è che oggi tale ideologia ritiene di essere esclusiva, o spesso si cela
dietro una militanza autodefinitasi "socialdemocratica", scordandosi di fatto 50
lunghi anni di socialdemocrazia e laburismo europeo, il quale da anni
compartecipa nella globalizzazione al progresso materiale e sociale dell' uomo.
Una militanza spesso vicina a modelli discutibili quali i regimi dittatoriali e/o
populistici dell' america latina.
Essere no-global oggi all' interno dei movimenti significa confermare ai Sardi il loro
timore isolazionista che per anni la causa ha ideologicamente trasmesso di sè.
I Sardi non hanno bisogno di accodarsi a nessuno.
Ben vengano i nuovi militanti aperti al progresso, socialisti o liberali che siano,
aperti alla globalizzazione, al suo utilizzo in qualità di risorsa e non dolo.
Ben vengano gli europeisti, ben vengano progressisti, conservatori, ecologisti,
cattolici ed atei, chiunque sia parte integrante del dna natzionale, chiunque sappia
mettere da parte il club culturale a favore di una politica vicina ai cittadini.
Perchè non dobbiamo dimenticarci che prima di ogni etichetta si è indipendentisti.
Proseguiremo la nostra battaglia politica per un maggiore impulso riformista.
Il Popolo non ha tempo per un indipendentismo massimalista, ma ha tempo per
discutere di famiglia, di giovani, lavoro, pubblica sicurezza, giustizia, fisco e tante
altre tematiche che ci riguardano più da vicino.
Per "rivoluzionare" veramente la Sardegna dobbiamo prima di tutto rivoluzionare i
tarocchi che oggi hanno generato una robusta perdita di credibilità
dell' indipendentismo tra la Pubblica Opinione.
Il tema dovrebbe entrare di diritto nell' agenda politica dei movimenti.
Chi ignora il problema, ignora il futuro di questa Natzione, perchè dallo sviluppo
dell' indipendentismo dipende la sua salvezza ed il suo ruolo nella storia.

Grazie per la cortese attenzione, vi auguriamo Buone Feste.

URN Sardinnya
Download this area on PDF


  





Produzione URN Communications Sardinnya - Copyright © 2005/2008 - All rights reserved