AFGHANISTAN +4:30' ALBANIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ALGERIA +1 ora AMERICAN SAMOA -11 ore ANDORRA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ANGOLA +1 ora ARGENTINA -3 ore ARMENIA +4 ore +5 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ARUBA -4 ore BONAIRE, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN AUSTRALIA LORD HOWE ISLAND NEW SOUTH WALES, VICTORIA, A.C.T., HIS, HTI, LDC NORTHERN TERRITORY OUEENSLAND SOUTH AUSTRALIA TASMANIA WESTERN AUSTRALIA +10:30' +11 ore +10 ore +11 ore +9:30' +10 ore +9:30' +10:30' +10 ore +11 ore +8 ore SYDNEY Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo DARWIN ADELAIDE Incluso BROKEN HILL, NSW Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Marzo AUSTRIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre AZERBAJIAN +4 ore AZORES Vedi PORTUGAL BAHAMAS -5 ore -4 ore Escluso TURKS AND CAICOS ISLANDS Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BAHRAIN ISLAND +3 ore BANGLADESH +6 ore BARBADOS -4 ore BELARUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELGIUM +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELIZE -6 ore BENIN, PEOPLES REPUBLIC +1 ora DAHOMEY BERMUDA -4 ore -3 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BHUTAN +6 ore BOLIVIA -4 ore BONAIRE -4 ore ARUBA, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN BOSNIA HERCEGOVNIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BOTSWANA +2 ore BRAZIL EAST WEST TERRITORY OF ACRE FERN. DE NORONHA MOST MAJOR AIRPORTS -3 ore -2 ore -4 ore -3 ore -5 ore -2 ore -3 ore COASTAL STATES, SAO PAULO, RIO, BRASILIA Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio ATLANTIC ISLANDS BRITISH VIRGIN ISLANDS -4 ore BRUNEI DARUSSALAM +8 ore BULGARIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BURKINA FASO GMT BURMA Vedi MYANMAR BURUNDI +2 ore CAMBOGIA +7 ore CAMEROON, REPUBLIC OF +1 ora CANADA NEWFOUNDLAND ATLANTIC EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC YUKON TERRITORY -3:30' -2:30' -4 ore -3 ore -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore ST.JOHN'S Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HALIFAX Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TORONTO, MONTREAL, OTTAWA Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre REGINA, WINNIPEG Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CAPE VERDE -1 ora CAYMAN ISLANDS -5 ore CENTRAL AFRICAN REPUB. +1 ora CEYLON Vedi SRI LANKA CHAD +1 ora CHILE CONTINENTAL EASTER ISLAND -4 ore -3 ore -6 ore -5 ore Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo CHINA, PEOPLE'S REPUBLIC +8 ore COCOS (Keeling) ISLANDS +6:30' COLUMBIA -5 ore COMOROS Vedi MAYOTTE CONGO +1 ora COOK ISLANDS -10 ore COSTA RICA -6 ore COTE D'IVOIRE GMT CROATIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CUBA -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Seconda dom. di Ottobre CURACAO -4 ore ARUBA, BONAIRE, SABA, ST-MAARTEN CYPRUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CZECH REPUBLIC +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DENMARK +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DJIBOUTI +3 ore DOMINICAN REPUBLIC -4 ore ECUADOR CONTINENTAL GALAPAGOS ISLANDS -5 ore -6 ore EGYPT +2 ore +3 ore Prima dom. di Maggio-30 Ottobre EL SALVADOR -6 ore ENGLAND Vedi UNITED KINGDOM EQUITORIAL GUINEA +1 ora ERITREA +3 ore ESTONIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ETHIOPIA +3 ore FALKLAND ISLANDS -4 ore -3 ore PORT STANLEY Seconda dom. di Settembre-Terza dom. di Aprile FAROE ISLAND GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FIJI +12 ore FINLAND +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRANCE +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRENCH GUIANA -3 ore FRENCH POLYNESIA GAMBIER ISLAND MARQUESAS ISLANDS SOCIETY ISLAND, TAHITI, TUBUAI ISLAND, TUAMOTU ISLAND -9 ore -9:30' -10 ore GABON +1 ora GAMBIA GMT GEORGIA +3 ore +4 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GERMANY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GHANA GMT GIBRALTAR +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREECE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREENLAND SCORESBYSUND THULE -3 ore -2 ore -1 ora GMT -4 ore -3 ore ANGMAGSSALIK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GUADELOUPE -4 ore ST.BARTHELEMY,NORTHERN ST.MARTIN GUAM +10 ore GUATEMALA -6 ore GUINEA GMT GUINEA-BISSAU GMT GUYANA -4 ore HAITI -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HONDURAS -6 ore HONG KONG +8 ore HUNGARY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ICELAND GMT INDIA +5:30' ANDAMAN ISLANDS INDONESIA CENTRAL EAST WEST +8 ore +9 ore +7 ore KALIMANTAN, SULAWESI IRIAN, BARAT SUMATRA, JAVA, BALI, JAKARTA IRAN +3:30' +4:30' 1° giorno di primavera-1° giorno di autunno IRAQ +3 ore +4 ore 1 Aprile-30 Settembre IRELAND, REPUBLIC OF GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre ISRAEL +2 ore +3 ore 1 Aprile-Ultima dom. di Agosto ITALY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre JAMAICA -5 ore JAPAN +9 ore JOHNSTON ISLAND -10 ore JORDAN +2 ore +3 ore 1 Aprile-15 Ottobre KAMPUCHEA, DEM. Vedi CAMBODIA KAZAHSTAN +6 ore +7 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre KENYA +3 ore KIRIBATI, REPUBLIC OF CANTON, ENDERBURY IS. CHRISTMAS ISLANDS +12 ore -11 ore -10 ore KOREA, DEM. REPUBLIC OF +9 ore KOREA, REPUBLIC OF +9 ore KUWAIT +3 ore KYRGYZSTAN +5 ore +6 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LAOS +7 ore LATVIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LEBANON +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre LEEWARD ISLANDS -4 ore ANTIGUA, DOMINICA, NEVIS MONTSERRAT, ST. KITTS ST. CHRISTOPHER, ANGUILLA LESOTHO +2 ore LIBERIA GMT LIBYAN ARAB JAMAHIRIYA +2 ore LITHUANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LUXEMBOURG +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MACEDONIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MADAGASCAR +3 ore MADEIRA Vedi PORTUGAL MALAWI +2 ore MALAYSIA +8 ore MALDIVES +5 ore MALI GMT MALTA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MARTINIQUE -4 ore MAURITANIA GMT MAURITIUS +4 ore MAYOTTE +3 ore MEXICO BAJA CALIFORNIA SUR & N. PACIFIC COAST (STATES OF NAYARIT, SINALOA AND SONORA) BAJA CALIFORNIA NORTE -6 ore -7 ore -8 ore -7 ore CULICAN, LA PAZ, & MAZATLAN ABOVE 28TH PARALLEL Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre MIDWAY ISLAND -11 ore MOLDOVA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONACO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONGOLIA +8 ore +9 ore ULAN BATOR Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre MOROCCO GMT MOZAMBIQUE +2 ore MYANMAR +6:30' NAMIBIA +1 ora +2 ore FORMERLY BURMA Prima dom. di Settembre-Prima dom. di Aprile NAURU, REPUBLIC OF +12 ore NEPAL +5:45' NETHERLANDS +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre NETHERLANDS ANTILLES -4 ore SOUTHERN ST. MAARTEN NEW CALEDONIA +11 ore NEW HEBRIDES Vedi VANUATU NEW ZEALAND CHATHAM ISLAND +12 ore +13 ore +12:45' +13:45' Escluso CHATHAM ISLAND Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo NICARAGUA -6 ore -5 ore 1° gennaio - ? NIGER +1 ora NIGERIA +1 ora NIUE ISLAND -11 ore NORFOLK ISLAND +11:30' NORTHERN IRELAND Vedi UNITED KINGDOM NORWAY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre OMAN +4 ore PACIFIC ISLANDS TRUST CAROLINE ISLAND KUSAIE, PINGELAP, MARSHALL ISLANDS KWAJALEIN MARIANA ISLAND PALAU ISLAND PONAPE ISLAND +11 ore +12 ore +12 ore +10 ore +9 ore +11 ore Escluso GUAM PAKISTAN +5 ore PANAMA -5 ore PAPUA NEW GUINEA +10 ore Incluso BOUGAINVILLE ISLAND PARAGUAY -4 ore -3 ore Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio PERU -5 ore PHILIPPINES, REPUBLIC OF +8 ore POLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PORTUGAL AZORES MADEIRA MAINLAND -1 ora GMT GMT +1 ora +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima domenica di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PUERTO RICO -4 ore QATAR +3 ore REUNION +4 ore ROMANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre RUSSIAN FEDERATION Zona 1 Zona 2 Zona 3 Zona 4 Zona 5 Zona 6 Zona 7 Zona 8 Zona 9 Zona 10 Zona 11 +2 ore +3 ore +3 ore +4 ore +4 ore +5 ore +5 ore +6 ore +6 ore +7 ore +7 ore KALININGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MOSCOW, ST. PETERSBURG, MUMARSK, ASTRAHAN, VOLROGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAMARA, IZHEVSK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CHELYABINSK, EKATRINBU RWANDA +2 ore SABA -4 ore ARUBA, BONAIRE, CURACAO, ST. MAARTEN ST. MAARTEN Vedi NETHERLANDS ANTILLES ST. KITTS-NEVIS -4 ore ST. LUCIA -4 ore SAINT PIERRE AND MIQUELON -3 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre SAINT VINCENT AND THE GRENADINES -4 ore SAMOA -11 ore SAN MARINO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAO TOME ISLAND AND PRINCIPE ISLAND GMT SAUDI ARABIA +3 ore SCOTLAND Vedi UNITED KINGDOM SENEGAL GMT SEYCHELLES +4 ore SIERRA LEONE GMT SINGAPORE +8 ore SLOVAKIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SLOVENIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SOLOMON ISLANDS +11 ore Escluso BOUGAINVILLE IS. SOMALIA +3 ore SOUTH AFICA +2 ore SPAIN CANARY ISLANDS CONTINENTAL, BALEARIC, AND MALLORCA ISLANDS MELILLA GMT +1 ora +1 ora +2 ore +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SRI LANKA +5:30' ST. HELENA GMT SUDAN +2 ore SURINAME, REPUBLIC OF -3 ore SWAZILAND +2 ore SWEDEN +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SWITZERLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SYRIA +2 ore +3 ore 1 Aprile-30 Ottobre TAIWAN +8 ore TAJIKSTAN +5 ore TANZANIA +3 ore THAILAND +7 ore TOGO GMT TONGA +13 ore TRINIDAD AND TOBAGO -4 ore TUNISIA +1 ora TURKEY +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre TURKMENISTAN +5 ore TURKS AND CAICOS ISLAND -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TUVALU +12 ore UGANDA +3 ore UKRAINE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre UNITED ARAB EMIRATES +4 ore ABU DHABI, DUBAI, SHARJAH, RAS AL KHAIMAH UNITED KINGDOM GMT +1 ora CHANNEL ISLANDS, SCOTLAND, NORTHERN IRELAND, WALES Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre UNITED STATES Vedi USA URUGUAY -3 ore -2 ore Terza dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio USA EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC ALASKA STD ALEUTIAN ARIZONA HAWAII INDIANA (EAST) BERING -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore -9 ore -8 ore -10 ore -9 ore NEW YORK, WASHINGTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CHICAGO, HOUSTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre DENVER Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre LOS ANGELES, SAN FRANCISCO Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre USSR Vedi RUSSIAN FEDERATION UZBEKISTAN +5 ore VANUATU +11 ore NEW HEBRIDES VATICAN +1 ora VENEZUELA -4 ore VIETNAM, SOCIALIST REP. +7 ore VIRGIN ISLANDS -4 ore ST. CROIX, ST. THOMAS, ST. JOHN WAKE ISLAND +12 ore WALES Vedi UNITED KINGDOM WALLIS AND FUTUNA ISLAND +12 ore WINDWARD ISLANDS -4 ore GRENADA, ST. LUCIA YEMEN, REPUBLIC OF +3 ore BOTH REPUBLICS YUGOSLAVIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ZAIRE KINSHASA MBANDAKA KASAI, KIVU, HAUT-ZAIRE, SHABA +1 ora +2 ore ZAMBIA +2 ore ZIMBABWE +2 ore




                                                                                                                          

L' opinione


"Roma ladrona?" Economia e sangue, lo dicono i fatti - Editoriale
                                                                    Maggio 2008.                                                                     
Cari Sardi,

"Roma ladrona" come dice Bossi? I fatti sono evidenti agli occhi di tutti. Abbiamo
un commercio in calo, solo nell' esercizio 2006/2007 le vendite al dettaglio sono
diminuite in Sardegna del 1.6% nella PMI rispetto al -1.4% del 2004 (dato
Unioncamere).
La crescita degli acquisti presso la Grande Distribuzione è stata più debole
rispetto all’anno precedente (0.6% contro il 2.0% del 2005).
Complessivamente il numero delle attività commerciali, nel 2006, ha fatto registrare
n. 2.207 nuove iscrizioni, contro n. 2.570 cessazioni, con un saldo negativo di -363
aziende, su un totale di 41.639 aziende commerciali attive. Nel 2005 il saldo fu
positivo, +29. Il risultato complessivo dimostra una perdita rilevante di attività
che per la prima volta dal dopoguerra evidenzia un saldo negativo nel rapporto tra
aperture e chiusure delle attività.
Reggono meglio le attività non alimentari e le attività specializzate.
Flessione invece negli esercizi che svolgono attività indifferenziata.
L’equilibrio fra le diverse categorie merceologiche è rimasto sostanzialmente
invariato.
Il peso dell’ alimentare sul complesso della distribuzione supera di poco il 34%
(20% specializzati e 14% non specializzati che comprendono anche discount,
supermercati e ipermercati); un settore consistente è rappresentato
dall’ abbigliamento e calzature che rappresenta il 20% del totale; mobili e
casalinghi, il 10%; ferramenta, il 10%; l’ insieme dei non alimentari rappresenta il
66%.
La competitività del sistema economico isolano è ancora carente, come evidenziato
dal basso livello delle esportazioni. L’ export dell’ Isola, pur cresciuto notevolmente
nell’ ultimo decennio, è ampiamente legato alla componente petrolifera e presenta
dati non positivi nel settore agro-alimentare.
Nonostante il quadro generale e gli indicatori economici e occupazionali che
dimostrano l’importanza del settore terziario in Sardegna, in questi anni non sono
state attivate politiche di settore adeguate a sostenere lo sviluppo della PMI
commerciale. Una crisi fortissima continua a colpire il comparto del commercio,
senza che vengano messi in campo interventi adeguati a contrastare il
processo di crisi. - Dati Relazione Confesercenti Sardegna 2007 -
Abbiamo una fiscalità così opprimente al punto che i nostri piccoli imprenditori
devono anche assumere personale con contratti a tempo indeterminato (onde
ricevere benefici fiscali) per poi chiedere l' autolicenziamento al proprio operaio
in quanto con il tracollo economico corrente non possono certo mantenere un
dipendente oltre la stagione di occorrenza. Questo perché magari abbiamo
penalizzato tali imprenditori per favorire situazioni commerciali dannose per la
piccola distribuzione che ha così perso non poche quote di mercato su ogni
periodo.
Che cosa è cambiato nel 2008? Poco e nulla, stesso trend al ribasso.
Non solo non si sono adottate adeguate politiche per il rilancio dell' economia, ma
continuano a rimanere nell' ombra tutti quegli intenti strutturali oggi prioritari per
le capacità di incrementare il volume delle produzioni con riferimento
all' appettibilità del nostro mercato nel settore degli investimenti.
In questo quadro dobbiamo dunque domandarci se nel rapporto con il prossimo
federalismo fiscale su cui la Lega Nord premerà ci sarà spazio per una equa
redistribuzione delle risorse (le nostre) da affidare all' isola, che pure avrebbe le
capacità economiche per una piena automazione.
Che cosa intendiamo dire? Che forse la classe politica italiana che amministra con
i suoi partiti e rappresentanti il territorio sardo non ha operato per una logica dello
sviluppo ma per il mantenimento dello status quo. Uno status quo di minima
sussistenza che tuttavia potrebbe rivelarsi inadeguato al sostentamento della nostra
macchina pubblica in ragione di un prossimo federalismo fiscale smosso appunto
dal leghismo a Roma.
Abbiamo perso troppo tempo senza operare su quegli interventi di politica
economica che avrebbero dovuto preparare l' isola al ricevimento di una sua
progressiva automazione.
Come ricorda anche il sardista Maninchedda: "La Sardegna ha bisogno di un’ampia
potestà impositiva, mentre oggi ha potere su ciò che genera costi (il sistema dei
diritti) ma non su ciò che genera ricchezza. Noi abbiamo bisogno di un sistema
fiscale deciso da noi e calibrato sulle caratteristiche del nostro sistema produttivo.
Anche in questo caso, mentre la Lombardia afferma il suo interesse e lo pone
come questione da cui partire per una mediazione sulla fiscalità generale, i sardi
attendono questa mediazione per poi capire che cosa fare. Quanta voglia si ha,
dunque, di osare? Quanto si è capaci di ragionare da liberi?".
Che cosa fare dunque oggi per dipanare la matassa? Intanto, politicamente
parlando, affinché si arrivi alla proposizione di quei mitici (e notori da anni) interventi
volti alla produzione di ricchezza, è fisiologica la necessità di svincolarci da
politiche identitarie tendenti al settarismo ed alla reiterazione di metodiche oggi
inopportune. Il Partito Sardo d' Azione, aldilà del folklorismo da cui spesso IRS e
SNI (purtroppo) non hanno saputo districarsi, è stato oggetto, così come lo è
tutt' ora, di frazionismi interni malevoli e benevoli. Non staremo in questa sede a
porre l' accento su quelli malevoli ma per premere su quelli benevoli affinché si
aprano alla più ovvia lettura che le recenti elezioni ci hanno consegnato:
E' finita l' era del centralismo e delle categorie "destra contro sinistra". Un
concetto che da 3 anni ripetiamo e ripeteremo senza mai stancarci da questi
spazi. Dobbiamo aprirci alla collaborazione, non rinunciare neppure al dialogo con
quel pianeta moderato, in parte rappresentato politicamente dalla (ex?) sigla Fortza
Paris. Dobbiamo combattere i massimalismi, superare le ideologie, aprirci ad una
stagione che sia legata al pragmatismo di dover assumere con responsabilità le
redini di una nuova fase da cui nasca una sinergia programmatica tra forze
identitarie. Altro dato chiarissimo emerso dalle cabine elettorali nostrane è la
disperata ricerca dei Sardi di un rinnovamento, intravisto come miraggio nel
bipolarismo muscolare italiano ma in cui nessun partito territoriale sardo ha
saputo introdursi. Non abbiamo politicamente offerto nulla alla domanda che il
Popolo rivolgeva con insistenza per la risoluzione dei suoi/nostri bisogni.
L' unico dato rilevante di questa esigenza è emerso proprio con il PSD'AZ nel
momento in cui ha saputo fare proprio il voto di una parte dell' elettorato presso le
aree di crisi industriale sarde.
Un piccolo barlume di speranza nel flop politico generale.
Abbiamo da tempo tutti i segnali che ci portano a ritenere i Sardi come cittadini
alla strenua ricerca di un compiuto riformismo, di una stabilità, di un progresso
sociale, di un rilancio delle istanze territoriali che nei fatti non si traduce in alcuna
linea politica concreta. Perché? Perché i movimenti identitari Sardi, indipendentisti
e non, sono troppo occupati ad inseguire mitologie datate e/o posizioni di principio
assolutamente esterne al sentire comune.
Anno per anno, osservando con dovizia le tabelle dei risultati politici indipendentisti
si noterà che, sebbene vi sia stato un (comunque magro) incremento di sigle
politiche identitarie, le stesse non solo non espandono il proprio bacino politico,
ma recedono addirittura. Sia che l' eziologia dell' esito riguardi tornate elettorali
politiche, regionali e/o amministrative: Con tutte le variabili che esse comportano
nell' analisi del voto con cui non staremo ad annoiarvi.
E' tempo di voltare pagina.
Noi guardiamo ad una Sardegna efficiente, non ad uno stato in cui il clima generale
del lassismo porta 22 agenti a dormire durante le ore di servizio (Rovigo - Fonte
ANSA)
; uno stato in cui i cittadini denunciano lo stesso per il degrado, l' alta
sofferenza e l' inciviltà perpetrata dalla malagestione politica e collettiva in cui si
vive (denuncia del dott. Barlotti in Campania - Fonte ANSA).
In Sardegna vige l' apoteosi dell' abbandono più totale, non ultimo, è bene ricordarlo,
sul tema della legalità: La durata dei processi, la certezza della pena, le mancate
risorse alle nostre forze di Polizia. Il tutto contribuisce al dissipamento di quei
valori della coesione sociale, del bene pubblico, del rispetto altrui.
Ancora sangue in Sardegna, Sedilo e San Teodoro. Mentre i prefetti continuano a
ripetere che lo "stato c' è". Noi riteniamo che gli slogan non siano adeguati al
mantenimento dell' ordine pubblico, nè essi debbano essere di corredo a superate
analisi antropologiche del territorio. Servono fatti ed i fatti non arriveranno finché
capaci politiche territoriali non saranno poste all' ordine del giorno nell' agenda dei
movimenti identitari: Ne abbiamo bisogno.
Grazie per la cortese attenzione.

U.R.N. Sardinnya Online
Download this area on PDF          "Non si può fare" - Commenti post-elettorali: Entra



  





Produzione URN Communications Sardinnya - Copyright © 2005/2008 - All rights reserved