AFGHANISTAN +4:30' ALBANIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ALGERIA +1 ora AMERICAN SAMOA -11 ore ANDORRA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ANGOLA +1 ora ARGENTINA -3 ore ARMENIA +4 ore +5 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ARUBA -4 ore BONAIRE, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN AUSTRALIA LORD HOWE ISLAND NEW SOUTH WALES, VICTORIA, A.C.T., HIS, HTI, LDC NORTHERN TERRITORY OUEENSLAND SOUTH AUSTRALIA TASMANIA WESTERN AUSTRALIA +10:30' +11 ore +10 ore +11 ore +9:30' +10 ore +9:30' +10:30' +10 ore +11 ore +8 ore SYDNEY Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo DARWIN ADELAIDE Incluso BROKEN HILL, NSW Ultima dom. di Ottobre-Prima dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Marzo AUSTRIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre AZERBAJIAN +4 ore AZORES Vedi PORTUGAL BAHAMAS -5 ore -4 ore Escluso TURKS AND CAICOS ISLANDS Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BAHRAIN ISLAND +3 ore BANGLADESH +6 ore BARBADOS -4 ore BELARUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELGIUM +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BELIZE -6 ore BENIN, PEOPLES REPUBLIC +1 ora DAHOMEY BERMUDA -4 ore -3 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre BHUTAN +6 ore BOLIVIA -4 ore BONAIRE -4 ore ARUBA, CURACAO, SABA, ST-MAARTEN BOSNIA HERCEGOVNIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BOTSWANA +2 ore BRAZIL EAST WEST TERRITORY OF ACRE FERN. DE NORONHA MOST MAJOR AIRPORTS -3 ore -2 ore -4 ore -3 ore -5 ore -2 ore -3 ore COASTAL STATES, SAO PAULO, RIO, BRASILIA Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio Quarta dom. di Ottobre-Ultima dom. di Gennaio ATLANTIC ISLANDS BRITISH VIRGIN ISLANDS -4 ore BRUNEI DARUSSALAM +8 ore BULGARIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre BURKINA FASO GMT BURMA Vedi MYANMAR BURUNDI +2 ore CAMBOGIA +7 ore CAMEROON, REPUBLIC OF +1 ora CANADA NEWFOUNDLAND ATLANTIC EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC YUKON TERRITORY -3:30' -2:30' -4 ore -3 ore -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore ST.JOHN'S Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HALIFAX Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TORONTO, MONTREAL, OTTAWA Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre REGINA, WINNIPEG Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CAPE VERDE -1 ora CAYMAN ISLANDS -5 ore CENTRAL AFRICAN REPUB. +1 ora CEYLON Vedi SRI LANKA CHAD +1 ora CHILE CONTINENTAL EASTER ISLAND -4 ore -3 ore -6 ore -5 ore Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo Seconda dom. di Ottobre-Seconda dom. di Marzo CHINA, PEOPLE'S REPUBLIC +8 ore COCOS (Keeling) ISLANDS +6:30' COLUMBIA -5 ore COMOROS Vedi MAYOTTE CONGO +1 ora COOK ISLANDS -10 ore COSTA RICA -6 ore COTE D'IVOIRE GMT CROATIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CUBA -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Seconda dom. di Ottobre CURACAO -4 ore ARUBA, BONAIRE, SABA, ST-MAARTEN CYPRUS +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CZECH REPUBLIC +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DENMARK +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre DJIBOUTI +3 ore DOMINICAN REPUBLIC -4 ore ECUADOR CONTINENTAL GALAPAGOS ISLANDS -5 ore -6 ore EGYPT +2 ore +3 ore Prima dom. di Maggio-30 Ottobre EL SALVADOR -6 ore ENGLAND Vedi UNITED KINGDOM EQUITORIAL GUINEA +1 ora ERITREA +3 ore ESTONIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ETHIOPIA +3 ore FALKLAND ISLANDS -4 ore -3 ore PORT STANLEY Seconda dom. di Settembre-Terza dom. di Aprile FAROE ISLAND GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FIJI +12 ore FINLAND +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRANCE +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre FRENCH GUIANA -3 ore FRENCH POLYNESIA GAMBIER ISLAND MARQUESAS ISLANDS SOCIETY ISLAND, TAHITI, TUBUAI ISLAND, TUAMOTU ISLAND -9 ore -9:30' -10 ore GABON +1 ora GAMBIA GMT GEORGIA +3 ore +4 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GERMANY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GHANA GMT GIBRALTAR +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREECE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GREENLAND SCORESBYSUND THULE -3 ore -2 ore -1 ora GMT -4 ore -3 ore ANGMAGSSALIK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre GUADELOUPE -4 ore ST.BARTHELEMY,NORTHERN ST.MARTIN GUAM +10 ore GUATEMALA -6 ore GUINEA GMT GUINEA-BISSAU GMT GUYANA -4 ore HAITI -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre HONDURAS -6 ore HONG KONG +8 ore HUNGARY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ICELAND GMT INDIA +5:30' ANDAMAN ISLANDS INDONESIA CENTRAL EAST WEST +8 ore +9 ore +7 ore KALIMANTAN, SULAWESI IRIAN, BARAT SUMATRA, JAVA, BALI, JAKARTA IRAN +3:30' +4:30' 1° giorno di primavera-1° giorno di autunno IRAQ +3 ore +4 ore 1 Aprile-30 Settembre IRELAND, REPUBLIC OF GMT +1 ora Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre ISRAEL +2 ore +3 ore 1 Aprile-Ultima dom. di Agosto ITALY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre JAMAICA -5 ore JAPAN +9 ore JOHNSTON ISLAND -10 ore JORDAN +2 ore +3 ore 1 Aprile-15 Ottobre KAMPUCHEA, DEM. Vedi CAMBODIA KAZAHSTAN +6 ore +7 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre KENYA +3 ore KIRIBATI, REPUBLIC OF CANTON, ENDERBURY IS. CHRISTMAS ISLANDS +12 ore -11 ore -10 ore KOREA, DEM. REPUBLIC OF +9 ore KOREA, REPUBLIC OF +9 ore KUWAIT +3 ore KYRGYZSTAN +5 ore +6 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LAOS +7 ore LATVIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LEBANON +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre LEEWARD ISLANDS -4 ore ANTIGUA, DOMINICA, NEVIS MONTSERRAT, ST. KITTS ST. CHRISTOPHER, ANGUILLA LESOTHO +2 ore LIBERIA GMT LIBYAN ARAB JAMAHIRIYA +2 ore LITHUANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre LUXEMBOURG +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MACEDONIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MADAGASCAR +3 ore MADEIRA Vedi PORTUGAL MALAWI +2 ore MALAYSIA +8 ore MALDIVES +5 ore MALI GMT MALTA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MARTINIQUE -4 ore MAURITANIA GMT MAURITIUS +4 ore MAYOTTE +3 ore MEXICO BAJA CALIFORNIA SUR & N. PACIFIC COAST (STATES OF NAYARIT, SINALOA AND SONORA) BAJA CALIFORNIA NORTE -6 ore -7 ore -8 ore -7 ore CULICAN, LA PAZ, & MAZATLAN ABOVE 28TH PARALLEL Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre MIDWAY ISLAND -11 ore MOLDOVA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONACO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MONGOLIA +8 ore +9 ore ULAN BATOR Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Settembre MOROCCO GMT MOZAMBIQUE +2 ore MYANMAR +6:30' NAMIBIA +1 ora +2 ore FORMERLY BURMA Prima dom. di Settembre-Prima dom. di Aprile NAURU, REPUBLIC OF +12 ore NEPAL +5:45' NETHERLANDS +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre NETHERLANDS ANTILLES -4 ore SOUTHERN ST. MAARTEN NEW CALEDONIA +11 ore NEW HEBRIDES Vedi VANUATU NEW ZEALAND CHATHAM ISLAND +12 ore +13 ore +12:45' +13:45' Escluso CHATHAM ISLAND Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo Prima dom. di Ottobre-Terza dom. di Marzo NICARAGUA -6 ore -5 ore 1° gennaio - ? NIGER +1 ora NIGERIA +1 ora NIUE ISLAND -11 ore NORFOLK ISLAND +11:30' NORTHERN IRELAND Vedi UNITED KINGDOM NORWAY +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre OMAN +4 ore PACIFIC ISLANDS TRUST CAROLINE ISLAND KUSAIE, PINGELAP, MARSHALL ISLANDS KWAJALEIN MARIANA ISLAND PALAU ISLAND PONAPE ISLAND +11 ore +12 ore +12 ore +10 ore +9 ore +11 ore Escluso GUAM PAKISTAN +5 ore PANAMA -5 ore PAPUA NEW GUINEA +10 ore Incluso BOUGAINVILLE ISLAND PARAGUAY -4 ore -3 ore Prima dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio PERU -5 ore PHILIPPINES, REPUBLIC OF +8 ore POLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PORTUGAL AZORES MADEIRA MAINLAND -1 ora GMT GMT +1 ora +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima domenica di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre PUERTO RICO -4 ore QATAR +3 ore REUNION +4 ore ROMANIA +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre RUSSIAN FEDERATION Zona 1 Zona 2 Zona 3 Zona 4 Zona 5 Zona 6 Zona 7 Zona 8 Zona 9 Zona 10 Zona 11 +2 ore +3 ore +3 ore +4 ore +4 ore +5 ore +5 ore +6 ore +6 ore +7 ore +7 ore KALININGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre MOSCOW, ST. PETERSBURG, MUMARSK, ASTRAHAN, VOLROGRAD Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAMARA, IZHEVSK Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre CHELYABINSK, EKATRINBU RWANDA +2 ore SABA -4 ore ARUBA, BONAIRE, CURACAO, ST. MAARTEN ST. MAARTEN Vedi NETHERLANDS ANTILLES ST. KITTS-NEVIS -4 ore ST. LUCIA -4 ore SAINT PIERRE AND MIQUELON -3 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre SAINT VINCENT AND THE GRENADINES -4 ore SAMOA -11 ore SAN MARINO +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SAO TOME ISLAND AND PRINCIPE ISLAND GMT SAUDI ARABIA +3 ore SCOTLAND Vedi UNITED KINGDOM SENEGAL GMT SEYCHELLES +4 ore SIERRA LEONE GMT SINGAPORE +8 ore SLOVAKIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SLOVENIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SOLOMON ISLANDS +11 ore Escluso BOUGAINVILLE IS. SOMALIA +3 ore SOUTH AFICA +2 ore SPAIN CANARY ISLANDS CONTINENTAL, BALEARIC, AND MALLORCA ISLANDS MELILLA GMT +1 ora +1 ora +2 ore +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SRI LANKA +5:30' ST. HELENA GMT SUDAN +2 ore SURINAME, REPUBLIC OF -3 ore SWAZILAND +2 ore SWEDEN +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SWITZERLAND +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre SYRIA +2 ore +3 ore 1 Aprile-30 Ottobre TAIWAN +8 ore TAJIKSTAN +5 ore TANZANIA +3 ore THAILAND +7 ore TOGO GMT TONGA +13 ore TRINIDAD AND TOBAGO -4 ore TUNISIA +1 ora TURKEY +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre TURKMENISTAN +5 ore TURKS AND CAICOS ISLAND -5 ore -4 ore Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre TUVALU +12 ore UGANDA +3 ore UKRAINE +2 ore +3 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre UNITED ARAB EMIRATES +4 ore ABU DHABI, DUBAI, SHARJAH, RAS AL KHAIMAH UNITED KINGDOM GMT +1 ora CHANNEL ISLANDS, SCOTLAND, NORTHERN IRELAND, WALES Ultima dom. di Marzo-Quarta dom. di Ottobre UNITED STATES Vedi USA URUGUAY -3 ore -2 ore Terza dom. di Ottobre-Ultima dom. di Febbraio USA EASTERN CENTRAL MOUNTAIN PACIFIC ALASKA STD ALEUTIAN ARIZONA HAWAII INDIANA (EAST) BERING -5 ore -4 ore -6 ore -5 ore -7 ore -6 ore -8 ore -7 ore -9 ore -8 ore -10 ore -9 ore NEW YORK, WASHINGTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre CHICAGO, HOUSTON Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre DENVER Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre LOS ANGELES, SAN FRANCISCO Prima dom. di Aprile-Ultima dom. di Ottobre USSR Vedi RUSSIAN FEDERATION UZBEKISTAN +5 ore VANUATU +11 ore NEW HEBRIDES VATICAN +1 ora VENEZUELA -4 ore VIETNAM, SOCIALIST REP. +7 ore VIRGIN ISLANDS -4 ore ST. CROIX, ST. THOMAS, ST. JOHN WAKE ISLAND +12 ore WALES Vedi UNITED KINGDOM WALLIS AND FUTUNA ISLAND +12 ore WINDWARD ISLANDS -4 ore GRENADA, ST. LUCIA YEMEN, REPUBLIC OF +3 ore BOTH REPUBLICS YUGOSLAVIA +1 ora +2 ore Ultima dom. di Marzo-Ultima dom. di Ottobre ZAIRE KINSHASA MBANDAKA KASAI, KIVU, HAUT-ZAIRE, SHABA +1 ora +2 ore ZAMBIA +2 ore ZIMBABWE +2 ore




                                                                                                                          

Sa Natzione


Regionali 2009 - "Trombati e scontenti"
- Premessa, J.M. Keynes e l' abitudine della conservazione; il clientelismo
- "Trombati" vecchi e nuovi, una definizione
- Cappellacci alla Regione; il Sardismo vince le elezioni ma non è più un progetto politico
- PD in frantumi, operazione Soru/Veltroni fallita
- La Lega Nord rilancia il Collegio unico UE per la Sardegna
ma Berlusconi ed i Partiti Sardi se ne infischiano; e le ronde?
- IRS, la nuova SNI, un risultato modesto per
un caso di mancata democrazia nella legge elettorale
- Unidade Indipendentista, un disastro annunciato per i "Dorotei" di SNI
- Indipendentismo Sardo? L' angolo politico più conservatore dell' isola
01 Marzo 2009.                                                                                   Di Melis R. e B. Adriano.  

Benvenuti su U.R.N. Sardinnya,
Secondo l' economista John-Maynard Keynes (1883>1946), l' innovazione
in un sistema socio-economico non è mai stata inibita realmente dagli
"interessi costituiti" -sopravvalutati nel loro potere di veto e d' interdizione-
quanto piuttosto dalla resistenza vischiosa prodotta da abiti mentali desueti
e radicati.
Su circa un milione e mezzo di abitanti, solo il 67% degli aventi diritto al voto
ha esercitato il suo potere nella democrazia, di costoro, solo poco più di
400.000 Sardi hanno scelto il bipolarismo, ovvero PD e PDL. Il restante
elettorato che ha partecipato alla competizione ha scelto il centro, il
"riformismo" e l' autonomismo Sardista. Area che ha determinato la vittoria
del neo-presidente Cappellacci alla guida della Regione.
Diciamoci la verità: Ha vinto il costume di una certa distorsione sociale che
anni di clientelismo e cultura fideistica hanno instillato nel nostro tessuto
connettivo.
La sfiducia ha determinato una larga fascia di assenteismo al voto mentre la
suddetta distorsione sociale nei confronti della politica ha perpetuato la sua
affermazione: Non si vota semplicemente "per cambiare", nè si vota
semplicemente per "piazzare l' amico dell' amico" in qualche occupazione
della Pubblica Amministrazione (o impresa affine), non da ieri, si vota perché
"l' uomo del posto al potere" viene ritenuto colui che porterà indefiniti vantaggi
alla località da cui proviene ed eventualmente, favoritismi di varia natura
richiesti da chi ha contribuito a portare il voto.
Al termine di questa "filiera", non di rado si assiste alla delusione di parecchi
piccoli imprenditori (o comuni cittadini) che non vedono andare in porto le
promesse con cui avevano spinto i loro beniamini tra le seggiole più alte
dell' amministrazione regionale. La categoria dei "trombati" pertanto oggi si
estende non più alla sola categoria del politico che non ha conseguito un
risultato apprezzabile, ma altresì passa il testimone verso chi, esterno alla
politica, è rimasto con le pive nel sacco in attesa di favori mai giunti.
La dinamica non è nuova, spesso questa nuova fascia di "trombati", già
penalizzata alle precedenti elezioni, non contenta del "dolo" subito, reitera
l' errore alimentando nuovamente quel potere politico, che in realtà senza di
essa avrebbe vita breve.
Non aveva tutti i torti dunque Keynes nell' imputare al costume sociale la
predominanza dell' incapacità di smuovere il conservatorismo politico dal
potere.
Cappellacci ha vinto, assieme ad alcune nostre sigle territoriali di riferimento.
Il Sardismo ha tenuto grazie a nomi di spessore come P. Maninchedda ma
il progetto politico non esiste più. Il PSD' AZ oggi non è che il titolare di un
"brand" ormai rapinato da una galassia di sigle autonomiste ed
indipendentiste, oltre che persino dai partiti italiani.
Quando poche persone trainano il Partito e non, viceversa, le forma (nel caso
di una sigla storica), è il segnale che qualcosa è andato perduto e/o
semplicemente superato.
Il PSD' AZ non potrà riconquistare la sua centralità politica, ed anche
numerica, senza un coraggioso dialogo con la suddetta galassia identitaria.
La sua rifondazione attraverso il superamento dell' Azionismo sarà un tema
su cui nel prossimo futuro sarà bene meditare a fondo.
Ed appare un risultato amputato inoltre la vittoria del Sardismo (indefinito
contenitore identitario) data l' assenza di un indipendentismo riformista e
solidale che non ha ancora saputo trovare la giusta strada per un suo
posizionamento nel sistema istituzionale Sardo.
Il PD ha perduto, fiumi di analisi politiche si sono sprecate nelle ultime
settimane e l' unico aspetto di rilievo pare essere che le dimissioni di Soru
(caldeggiate dalla regia di Veltroni a Roma) ed a seguito della caduta del
centrosinistra in Sardegna, hanno determinato la capitolazione della testa
di area DS del PD, la quale si è temporaneamente dovuta rifugiare (per
sanare fratture ed impegni politici imminenti come le Europee) nella figura
di Franceschini (di area Margherita).
Una lotta di potere la quale, pensate, ha investito persino Gavino Sale (IRS)
nel cui personale risultato del 3% di elettori (distinto dal circa 2% di lista
del voto disgiunto), si è visto piovere non solo voti di Socialisti e vecchi
simpatizzanti di Sardigna Natzione, ma persino voti di area Margherita del
PD, in evidente constrasto questi con la regia DS sotto la cui ala Soru ha
bruciato la sua riconferma alla Presidenza della Regione.
Compito del povero Franceschini non sarà solo quello di calmare le acque,
ma paradossalmente di agitarle: Dato il vuoto politico che il PD rappresenta,
senza alcuna identità, esso dovrà recuperare posizioni di consenso rispetto
all' Italia dei Valori la quale quest' ultima (cavalcando la guerra interna al PD)
ha inasprito nell' antiberlusconismo la sua corsa al potere contro il PD.
Non a caso le prime dichiarazioni di Franceschini alla guida del Partito
Democratico sono tutte indirizzate contro Berlusconi: Alla faccia del "dialogo
sulle riforme" tanto caro al trombato Veltroni.
L' Italia dei Valori non è altro che la proiezione del "Berlusconismo", senza
il Cavaliere non ci sarebbe alcun collante "giustizialista" da dare in pasto alla
folla.
In Sardegna, se alla fine tutti i partiti (Sardi ed Italiani) si sono esibiti chi più e
chi meno nella trattazione propagandistica di tematiche sardiste, è venuto
meno l' indipendentismo rispetto a sigle vittoriose come il PSD' AZ.
E' persino intervenuta la Lega Nord nel ricordare che ai Sardi spetta di diritto
un Collegio unico UE di rappresentanza a Strasburgo separato dalla Sicilia.
La Sicilia infatti, date le sue proporzioni numeriche, elegge costantemente
i suoi europarlamentari anche in vece alla nostra isola, ma da queste parti
l' indice demografico non ci consente di poter fare altrettanto con nostri
esponenti. Un' anomalia democratica su cui intervenire e che da anni andiamo
ripetendo. Purtroppo chi di dovere in Sardegna non avverte il problema (come
i partiti territoriali Sardi che non fanno i "partiti territoriali" ma solo una guerra
reciproca) ed i partiti italiani, ai quali poco importa del Collegio datosi che i
membri della loro squadra (PD/PDL) vengono già eletti sotto insegne siciliane.
Quindi perché costoro dovrebbero darsi pena? Una ignavia che si commenta
da sola.
Nel Sardismo c' è  anche chi pensa che non serva datosi che i primi ad
insediarsi sulle seggiole sarebbero sempre e comunque i partiti italiani:
Ovvio. Ma come diavolo la si costruisce la sovranità per gradi se neppure le
costruiamo quelle benedette seggiole?
Le "Ronde Padane" alimentano il dibattito italiano post-Regionali Sarde su
cui naturalmente anche qualche indipendentista ha avuto da ridire.
Da parte nostra segnaliamo unicamente che nel momento in cui uno Stato di
diritto santifica uno strumento di sicurezza diverso rispetto agli organi
tradizionali preposti alla Pubblica Sicurezza, è l' implicito riconoscimento
del fallimento statale su questa materia. Ma questo è un' altro discorso.
L' indipendentismo purtroppo non solo non ha una posizione su diverse
tematiche ma rimane diviso e parzialmente arretrato sul terreno della
comunicazione e dell' innovazione.
Il movimento IRS è sensibilmente migliorato sul piano dell' immagine, da anni
andavamo ripetendo la necessità di superare nella simbolistica le cromature
rosse per dare un segnale di discontinuità; di aprire a messaggistiche di
integrazione verso la Comunità Internazionale (come l' Europeismo) per
rimuovere quel timore isolazionista che proietta verso la Pubblica Opinione da
anni e, aspetto non meno importante: Si imponeva la revisione della
dialettica da trasferire necessariamente su un piano moderato e non più
conflittuale come nel recente passato.
Tutto ciò è stato possibile grazie alla dedizione di tanti attivisti che in questo
movimento si sono prodigati per migliorare.
Si consideri piccoli risultati storici come quelli Oristanesi del comune di
Terralba (10.000 abitanti circa) in cui IRS dopo le prime ore, a scrutinio in
corso, batteva il PD con il 17% circa dei consensi cittadini.
Ma è la proposta politica a non essere passata, così come quella di Unidade
Indipendentista.
L' indipendentismo va costruito a livello strutturale, non si può entrare nel
tessuto sociale con un tema così rilevante senza governare: Ovvero senza
intervenire sui mass-media, sulla Pubblica Istruzione, sullo sviluppo
economico. Tutti elementi che solo un' opera di governo può consentirci di
riformare.
IRS non è altro purtroppo che una nuova SNI dei tempi moderni, nell' era di
internet: Della vecchia ne preserva un substrato settarista ed antisardista,
forse ben peggiore dietro tutte le apparenze. Fattore a cui non possiamo
dimenticarci di abbinare il sedicente "non-nazionalismo", paradigma che
separa questa formula di indipendentismo dal riconoscere i veri collanti
sociali dei Sardi (per quanto pochi) e ne finisce per consolidare i tratti
anti-autonomistici. Quindi senza argomentarne un chiaro e credibile percorso
graduale che consenta all' isola una sua automazione istituzionale:
Sia essa nel quadro dello Stato Italiano (piano federale), sia essa nel quadro
di una piena autodeterminazione dall' Italia ed adesione all' Unione Europea.
IRS in queste elezioni regionali è stata tuttavia vittima di un vulnus
democratico presente in queste legge elettorale. Per capirci: E' moralmente
lecito che un candidato presidente che ha raccolto 30.000 voti circa non entri
nel Consiglio Regionale e dei Consiglieri (con magari poco più di mille voti) sì?
E' chiaro che il criterio di separazione tra chi si candida alla Presidenza e chi
alla funzione amministrativa consiliare non può godere dello stesso peso, ma
c' è da domandarsi se una forza con all' attivo trentamila voti non debba
essere presente in una istituzione democratica che dovrebbe riguardarla.
Del resto, anche l' attuale legge elettorale è frutto dell' aria che tira a Roma e
non certo in Sardegna.
Sul piano dei voti effettivi, Sardismo ed Indipendentismo classico da circa 15
anni non si spostano dalle solite percentuali: Alle Regionali del 1994 (sebbene
con legge elettorale diversa), Sardigna Natzione prese come lista 23.368 voti
(2,7%) mentre il PSD' AZ (senza il peso degli attuali Rossomori al 2%) ottenne
un forte 6% (Fonte: Ministero dell' Interno). Oggi il Partito Sardo d' Azione raccoglie
un 4% circa.
Non si può ovviamente paragonare la corrente situazione dei Rossomori al 2%
con oltre il 6% Sardista del '94, ma è curiosamente incredibile quanto le due
aree identitarie di pensiero non si scalzino dai soliti numeri. Dal canto suo,
l' attuale IRS infatti senza il surplus dato dall' 1% in più a Gavino Sale, come
lista si attesta su circa il 2%.
Insomma, cambiano gli addendi ma i risultati assolutamente nò.
E' il sintomo del fallimento di una classe dirigente, da anni intenta a riciclarsi
senza mai assumersi responsabilità per i soliti errori.
I "Dorotei" di Sardigna Natzione hanno fallito miseramente, a differenza di
quelli della storica corrente DC, quelli nostrani non temono per niente il
comunismo (o quel che ne rimane) tanto che la loro spinta propulsiva li ha
portati direttamente in una alleanza con A Manca pro s' Indipendentzia.
Certo, IRS non ha partecipato all' unità e non c' è alcun "pericolo rosso"
targato AMpI che abbia determinato il fiasco. Casomai il travaso dei pochi
voti rimasti a SNI è confluito ad IRS proprio per la mal digestione che l' unione
con AMpI ha provocato in alcuni vecchi simpatizzanti di SNI. Per questi
ultimi, l' allineamento con i Marxisti (a prescindere dal programma politico) è
stato inquadrato come un tradimento del riformismo che nel 1993 vide il
superamento del Partidu Sotzialista Indipendentista Sardu e l' approdo con
Caria e Cumpostu verso Sardigna Natzione.
Qualcuno di essi ha votato Soru, qualcuno i Rossomori, qualcuno IRS,
qualcuno PSD' AZ e infine qualcuno si è astenuto.
Unidade Indipendentista ha perso il suo poco spazio a disposizione spiegando
male e faziosamente (con riferimento alla componente Marxista) un
programma tutto sommato buono.
Se le energie di AMpI risultano più soddisfacenti nel momento in cui sono
inquadrate in un percorso di maturazione democratica che l' U.I. trainata da
SNI effettua, lo stesso non si può dire per il risultato politico a cui il cartello
indipendentista è incorso, ancora più disastroso del previsto.
Servono profonde riforme su tutti i piani del progetto politico: Alcuni contenuti;
la comunicazione (immagine, simbolistiche e dialettiche); ed una revisione
della classe dirigente.
La disparità di tempo, mezzi e personale rispetto ai grandi partiti italiani non
deve assolutamente essere vista come la solita e nota giustificazione per il
pessimo risultato e l' assoluta estraneità di responsabilità interne che invece
esistono e sono la concausa del continuo riproporre formule e metodiche
completamente aliene alla nostra società e pertanto alle necessità di un
moderno indipendentismo.
L' unità in se non basta qualora non coadiuvata da una serie di riforme interne.
A ciò si aggiunga l' effetto dirompente del bipolarismo per intuire quanto un
certo modo di proporre l' indipendentismo sia da considerarsi ampiamente
superato.
I movimenti devono dialogare, l' indipendentismo si configura oggi come
l' angolo politico più conservatore della Sardegna e refrattario agli stimoli
esterni.
E' necessario inoltre superare un certo dogmatismo culturale per aprire il
dialogo anche con tutte quelle forze sociali ed economiche che stanno alla
base dei processi di regolazione della vita pubblica: Come ad esempio il
mondo del lavoro e dell' impresa.
Se l' identitarismo è l' unico perno attraverso il quale può essere disinnescato
il conservatorismo istituzionale e politico Sardo, di sicuro non possiamo
permetterci il lusso di ospitare la stessa piaga in casa nostra.
Serve un Congresso/una Costituente di movimenti Sardi.
Avanti verso le riforme.

Grazie per la cortese attenzione.

U.R.N. Sardinnya ONLINE
Flyer IRS ieri ed oggi (GIF)                      Download this area on PDF


  





Produzione URN Communications Sardinnya - Copyright © 2005/2009 - All rights reserved